venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeCosa succede in cittàArte per bene: quando l'arte incontra la solidarietà.

Arte per bene: quando l’arte incontra la solidarietà.

In questo appuntamento di Arte per Bene, Assocazione CAF torna al Mudec per visitare la mostra “Rodin e la danza”: un’occasione di approfondimento su un ambito poco noto e originalmente destinato alla dimensione privata della produzione del grande scultore francese, che a cavallo tra Otto e Novecento rivoluzionò l’arte scultorea attraverso la sua ricerca sul corpo inteso come espressione del sentire umano.

Grazie alla collaborazione con il Museo Rodin di Parigi, da cui provengono 53 opere, la mostra racconta attraverso un progetto espositivo inedito e originale il fascino e il fortissimo imprinting creativo che la danza ebbe sul genio artistico di Auguste Rodin. Un circolo virtuoso in cui, da un lato la danza fu musa ispiratrice per l’artista nei primi del Novecento, dall’altro la danza contemporanea trova ancora oggi ispirazione dall’artista attraverso le sue opere ‘danzanti, uniche e così attuali.

La mostra diventa un’occasione per fare un viaggio straordinario nel mondo della danza attraverso una selezione video riferita alla coreografia contemporanea e ad artisti coreografi che hanno tratto ispirazione da Rodin per le loro rappresentazioni. Il dialogo continuo tra le sculture di Rodin e l’apparato multimediale e digitale, insieme all’allestimento immersivo, creano un costante gioco di rimandi visivo e simbolico.

“Rodin e la danza” ci trasporterà nella vivace atmosfera artistica e culturale della Parigi della Belle Époque e delle Esposizioni Universali, attraverso una selezione di disegni e di sculture che rivelano un aspetto inedito e affascinante dell’opera del rivoluzionario scultore francese.

Visita guidata a cura di: Maria De Giorgio

Durata: 60 minuti circa

Prenotazioni:www.sostieniassociazionecaf.org

Per info: eventi@associazionecaf.org

Ganzetti Raffaella
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments