domenica, Ottobre 2, 2022
HomeCosa succede in città“MAJA” FRANCO FARINA.

“MAJA” FRANCO FARINA.

… Io sono il sussurro del sangue nell’orecchio dell’uomo,

sono una febbre dell’anima, della carne voglia e rifiuto,

sono una targa d’ingresso a nuovi paradisi.

Io sono una fiamma, che cerca vivace,

sono un’acqua, fonda, ma audace fino al ginocchio,

sono fuoco e acqua in rapporto leale, e senza condizioni…

(“non sono una donna” Edith  Södergran)

Un intuizione balena, fulminea, in Franco Farina, e accende il suo temperamento: lo spossa e ridesta, sorrade le sue terre più intime e quelle sociali, la memoria e l’inedito, per incendiare quegli spazi e arroventare una nuova presenza.

La calda forza spinge sino a lacerare la “pelle”…

Quella “bocca” scaturisce un magma e lo riversa sull’anta di un inservibile armadio; ne annichila la verità dell’abbandono e, cauto e mellifluo, coinvolge quel suolo, creando, invero, una preziosa veste umana e il suo celato eloquio.
Scompare così la fondatezza della desolazione e del silenzio: oscuri e anneriti pensieri ivi si avvicendano con rossi passi, ammantando la lignea e calda pagina.

Argentate e importanti gambe ammiccano, sicure, e introducono Maja: l’occhio le distingue immediatamente ed è avvinto da quelle statutarie e piene vie esistenziali.

Solo un sottile e moderno drappo nero copre la natura, mentre “bella” , questo significa Maja, in lingua spagnola, lo carezza e sembra sincerarsene e tutelarsi, ulteriormente, preservandosi con le ferree mani.

Franco Farina spoglia il petto di Maja, perché il ciglio possa vedere oltre: l’euritmia poetica di E. Sodergran potrebbe, ivi, vivere, vivifica e sussurrare il tumulto di paradisi sconosciuti, le nozze tra passionale fiamma e acqueo inconscio, audacia e castità, fanciullesca innocenza e matura determinazione…

L’autore “s-vela” la carsica vita delle quiete intemperanze di Maja, libere e vere espressioni personali, celebrandone l’epifania, nel riserbo di un ialino e plastico manto.

Solo un antico monile si distingue sul petto, sottolineando la rara finezza della donna.

Imperano, invece, sul bronzeo e terreo volto, susine e piene labbra, che accennano a dischiudersi mentre smeraldini occhi sgranano, conti e curiosi, il giardino esperienziale innanzi a loro.

Un corvino e corto taglio incornicia il prezioso ovale…

“Quando si hanno solo due centesimi, acquista una pagnotta di pane con uno, e un giglio con l’altro. “

(Proverbio cinese)

Franco Farina sceglie, con i 2 “unici” centesimi, di abbracciare l’impagabile valore della bellezza, intesa come nutrimento per lo spirito e per il corpo, indovandola nell’avvenente Maja.

FRANCO FARINA: ARTE POLITICA COME LINGUAGGIO DELLA POLIS

Scent of Art, Spazio di divulgazione artistica a cura di Maria Marchese

Maria Marchese
Maria Marchese
Maria Marchese, scrittrice, poetessa e curatrice d’arte, nasce a Como nel 74. Dopo la maturità scientifica, si iscrive all’istituto internazionale di Moda&Design “Marangoni”, a Milano. Per oltre 20 anni svolge attività nel settore socio assistenziale. Collabora con il blog culturale dell’università Insubria, con lo storico dell’arte Valeriano Venneri, con Exit Urban Magazine e Art&Investments, con il Blog L’ArteCheMiPiace , con l’associazione culturale Nuovo Rinascimento, con la Galleria “Il Rivellino”, di Ferrara, con l’associazione Divulgarti, di Genova, con la Art Global, di Roma, con AArtChannel di Ferrara.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments