venerdì, Settembre 17, 2021
HomeCosa succede in cittàSenza Parlare, la disabilità comunicativa approda al Franco Parenti.

Senza Parlare, la disabilità comunicativa approda al Franco Parenti.

Sara e Marco, interpretati rispettivamente da Caterina Bernardi e Alessandro Maione sono i protagonisti di
Senza Parlare “ spettacolo teatrale di Spk Teatro, promosso da Fondazione Benedetta d’Intino e incentrato sulla disabilità comunicativa.
Fratello e sorella.
Lui normodotato, su di lei, invece, come un avvoltoio, volteggia  una diagnosi irreversibile: paralisi cerebrale.
Sara non si muove, non parla, non per sua volontà, ma perché non può. A decidere, la vita, ancora prima di essere sfiorata.
La sua mente, i suoi occhi scrutano l’esterno, pensieri ed emozioni come un fiume in piena le scorrono dentro e relazionarsi con coloro che la circondano appare impossibile.
Due mondi, uno innanzi all’altro che, seppur cresciuti insieme, faticano a dialogare, a comprendersi: uno schermo invisibile li divide, forse, li allontana, eccola, l’incomunicabilità.

La piccola è cresciuta, è una donna, bisogni e desideri inevitabilmente mutano.
Come riuscire a spiegarlo se non vi è riscontro dall’altra parte?
Nel giorno del compimento della maggiore età della ragazza emergono le problematiche legate all’incapacità di Marco nell’ascoltarla, insieme alla presunzione di conoscere anticipatamente le volontà di Sara e alla confessione finale della sofferenza legata alla condizione della sorella, che  avrebbe reso difficoltoso e particolare il loro rapporto.
Sara dal canto suo, vede in egli ciò che l’ esistenza le ha impedito di essere.
Attimi emotivamente intensi raccontano il viaggio interiore di Marco per raggiungerla. In primo piano la conflittualità dei sentimenti, la sofferenza della non accettazione iniziale, la rabbia verso la mancanza di comunicazione, la paura di non essere in grado: stati animo che lo accompagneranno a sfogliare Sara, così come si sfogliano, leggono e comprendono le pagine di uno splendido romanzo.
A fine lettura, apprenderà che prendersi cura di lei, significa anche saperla ascoltare.
Prima tappa di un tour partito ieri, 13 settembre dal Teatro Franco Parenti di Milano e che proseguirà il suo cammino ospite di diversi teatri milanesi, “ Senza parole “ ha avuto il merito di indurre i presenti in sala a innumerevoli riflessioni, interrogativi e consapevolezze.
Cosa provano? Cosa vivono? Ma soprattutto, come si relazionano alla dipendenza coatta dall’altro, tutti coloro che hanno il medesimo problema di Sara? Cosa riserva loro il futuro?
Tra le tante certezze una: al di là di un corpo inerme, fragile e imperfetto, perché in fondo, questo è ciò che arriva ai nostri occhi, vi è la capacità di pensare, amare e riconoscere le proprie necessità psicofisifche, nonostante la prigione in cui si trovano costretti a vivere.
Nel corso della serata, la componente emotiva, che ha regnato sovrana, ha visto l’elemento drammatico, in alcuni punti, narrato con estrema ironia.

In conclusione, ricordo i prossimi appuntamenti con ” Senza Parlare “.

TEATRO FILODRAMMATICI

Via Filodrammatici, 1, Milano, MI, Italia

Dal 15/09/2021 al 18/09/2021

di Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato dalle 20:30 alle 22:00

SPAZIO TERTULLIANO

Via Tertulliano, 68, Milano, MI, Italia

dal 20/09/2021 al 21/09/2021

di Lunedì, Martedì dalle 20:30 alle 22:00

PACTA SALONE

Via Ulisse Dini, 7, Milano, MI, Italia

23/09/2021 e 24/09/2021

Dalle 20:30 alle 22:00

TEATRO DELLA COOPERATIVA

Via Privata Hermada, 8, Milano, 20162 MI, Italia

27/09/2021 e 28/09/2021

Dalle 20:30 alle 22:00

CAMPO TEATRALE

Via Pompeo Cambiasi, 11, 20131 Milano MI, Italia

01/10/2021 e 01/10/2021

Dalle 20:30 alle 22:00
Per info e prenotazioni
fondazione.benedettadiintino.it/senza-parlare/
biglietteria@aragon.it

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments