Miwa Komatsu in abito Dior si aggiudica la 48esima edizione del premio “Best Dresser Award” nella sezione culturale.

0
4797

L’artista contemporanea Miwa Komatsu in abito Dior si aggiudica  la 48esima edizione del premio “Best Dresser Award” nella sezione culturale. 

Lo scorso 28 Novembre la MFU (Men’s Fashion Unity di Tokyo) ha annunciato che l’artista Miwa Komatsu e’ stata selezionata per la competizione “Best Dresser Award” nella sezione culturale.


Ambasciatrice di Dior, Miwa si è presentata in un abito da sera di Dior di color oro, da lei spesso utilizzato nelle sue opere poiché rappresenta il divino.


Sul palco Miwa ha parlato della sua utlima opera”INORI, per la quale ha ricevuto la nomination per la 76esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, dove è stato proiettato il video della sua performance live tenutasi appunto a Venezia. 
Dal 1972 questo premio, che si tiene ogni anno in Giappone, è considerato un importante riconoscimento e ha lo scopo di approfondire la conoscenza sul mondo della moda per stimolare ed esprimere il piacere del vestirsi bene, proponendo stili di vita eleganti e raffinati e sviluppando l’industria della moda, oltre a favorire gli scambi culturali in diversi settori.
“Best Dresser Award” viene assegnato a coloro che si sono distinti come leader in campi come la politica, l’economia, la cultura, il mondo accademico, l’ intrattenimento e lo sport.
Non è solo una questione di vestirsi in modo appariscente o di indossare abiti particolari, ma piuttosto di avere un proprio stile di vita ed essere a sostegno delle persone.

La persona che indossa un vero stile di vita è un vero Best Dresser.

Official HP
https://miwa-komatsu.jp/

PRESS OFFICE & P.R.
Paola Dongu | PD&Associati
paola.dongu@pdassociati.com
Mob. +39 348 2595888

Miwa Komatsu
Nata a Nagano nel 1984, Miwa Komatsu ha trascorso la sua infanzia immersa nella natura, circondata da animali e ricchi paesaggi naturali. Le sue opere d’arte riflettono questa speciale connessione con la natura e i suoi cicli di vita, dando vita opere che trasmettono una profonda meditazione e una visione unica sulla bellezza che può essere trovata nella vita e nella morte. Komatsu iniziò con l’incisione su rame mentre studiava al Joshibi College of Art and Design, e il suo lavoro intitolato “Il quarantanovesimo giorno” è stato apprezzato per la sua commovente originalità. Dopo aver creato quest’opera quando aveva solo 20 anni, Komatsu iniziò a concentrarsi sulla sua carriera professionale come pittrice. Cominciò quindi ad ampliare la sua espressione creativa incorporando materiali come la vernice acrilica e persino la porcellana di Arita nella realizzazione delle sue opere.

Le opere d’arte di Komatsu spesso incorporano elementi performativi ed esplorano temi come la vita e la morte, gli dei e gli esseri spirituali che presiedono ai regni terrestri ed eterei. Ha presentato numerose mostre personali al Museo di Tetsu, al Museo di Artano di Kitano e al Museo di Arte della città di Ueda nella sua città natale di Nagano.

Nel 2014 Komatsu ha dedicato il suo lavoro al Santuario di Izumo Taisha, il santuario più antico del Giappone che è anche considerato il luogo in cui la divinità ha la presenza più forte.

Nel 2015 ha collaborato con l’artista del paesaggio Kazuyuki Ishihara esponendo la sua porcellana Arita “Guardian Lion Dogs” al Chelsea Flower Show di Londra, che ha vinto il Gold Award e ora fa parte della collezione permanente del British Museum.

L’arte di Komatsu continua ad attirare l’attenzione internazionale ed è stata raccolta da istituzioni come il World Trade Center di New York. Inoltre l’artista ha vinto il GIOVANE ARTISTA DELL’ANNO nel 2017 ed è stata invitata ad apparire nelle pubblicità televisive, oltre a diventare l’ambasciatrice ufficiale della Maison Christian Dior. La sua personale di dicembre 2018 ha registrato cifre record di presenze e vendite, prove della crescente influenza e attività di Komatsu nella scena artistica giapponese.

Dall’8 maggio al 24 novembre 2019 il New Art Museum di Karuizawa presenta una mostra della durata di sei mesi presso le Procuratie Vecchie in Piazza San Marco, a Venezia, durante la 58a Biennale Internazionale d’Arte. Intitolata “Diversity for Peace!”, la mostra presenta giovani artisti di spicco provenienti da tutto il mondo che mostrano i loro stili unici e i diversi approcci artistici in una celebrazione della libertà creativa.

Miwa Komatsu ha attualmente sede a Tokyo e Nagano ed è considerata tra gli artisti più promettenti del Giappone.