La bellezza non svanisce su due ruote!

1
733

Parliamo di canoni di bellezza e l’essere modella fino ad oggi incarnava la perfezione del corpo anche  se non sempre coincideva con i classici della bellezza. Quindi possiamo dire che oggi  la bellezza  non prescinde  dal non avere imperfezioni!

Finalmente  qualcosa cambia nel mondo della moda in riferimento ai canoni di perfezione e bellezza a cui siamo abituati durante le diverse sfilate. Ora possono calcare la passerella anche le modelle over peso, con fragilità o su rotelle.

modelle_rotelle_foto_3Modelle & Rotelle è un modo nuovo di interpretare l’alta moda, un “Fashion Show” che vede modelle in carrozzina e modelle in piedi, sfilare sulle più importanti passerelle del mondo.

Una idea innovativa che ha prodotto molto audience  e ha dato la possibilità  a persone che ne avevano le caratteristiche, di poter realizzare una propria attitudine al di là delle convenzioni, rompendo schemi canonici di perfezione e valorizzando l’integrazione fra  modelli diversi di bellezza o capacità.

Queste sfilate hanno riscosso successo a Roma (AltaRoma) e New York  (Mercedes Benz Fashion Week),  approdando anche a  Milano Fashion Week con il Patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana ed il Comune di Milano, per un’edizione da brividi.

A lato delle manifestazioni una importante partnership per ottenere  questo innovativo  format  fra chi lo  ha registrato e prodotto: VERTICAL la Fondazione Italiana per la Cura della Paralisi ONLUS e la  Camera Nazionale della moda italiana al fianco di “Modelle&Rotelle”.

modelle-rotelle-foto2La Fondazione Vertical, infatti ha comunicato di aver ricevuto ufficialmente il Patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana.
Eventi internazionali di moda che avranno anche la funzione di sostenere  la realizzazione dell’iniziativa a favore della ricerca scientifica per la cura delle lesioni midollari.

SHARE
Previous articleDCA: bulimia nervosa, abbuffata.
Next articleWikiPoesia, la ‘Wikipedia della Poesia’, sceglie la città di Domodossola per il primo Congresso.
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”