Arte in Ronda. Sguardi artistici contro l’indifferenza

0
143

Nei giorni 21 e 22 giugno si terrà a Milano, presso la sede di Ronda Carità e Solidarietà, in via privata Picozzi 21, l’evento “Arte in Ronda – Sguardi artistici contro l’indifferenza”. L’iniziativa è realizzata con il patrocinio di Comune di Milano e del Municipio 3, in collaborazione con Youmani Onlus, Casa della Carità “A. Abriani” e L’ 8×1000 della Chiesa Valdese.

Obiettivo dell’evento, sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell’emarginazione e del fenomeno dei senza dimora attraverso l’arte. Parole scritte e recitate, forme plasmate con materiali della strada e musica si contamineranno e contamineranno il pubblico per portare, per un fine settimana, l’attenzione su una dimensione della città troppo spesso ignorata. Le due giornate saranno anche l’occasione per conoscere da vicino i protagonisti e le attività di Ronda Carità e Solidarietà.

Nella serata di venerdì 21 giugno, una performance teatrale – a cura degli artisti di Youmani Onlus e costruita sui versi di Guido Lopardo e sulle opere di Matteo Volpati – darà voce ai protagonisti invisibili della strada. Affrontando i principali disagi sociali che tante persone vivono sulla propria pelle e nella loro quotidianità, l’interpretazione artistica attraverso le parole, le forme e la vibrante recitazione dei testi proverà a raggiungere le coscienze di tutti e a far nascere una maggiore consapevolezza verso le persone emarginate ed estromesse dalla vita sociale. Sabato 22 giugno, a un momento di approfondimento sulle attività di Ronda seguirà una cena solidale, con piatti di cucina naturale e musica dal vivo di “Never Too Late”, occasione per conversare e aprire un  dialogo sui temi affrontati.

Il percorso espositivo di poesie e opere scultoree – ospitato nel cortile della sede di Ronda Carità e Solidarietà – rimarrà aperto per l’intera durata dell’evento: venerdì 21 dalle 19.30 alle 22.30 e sabato 22 dalle 10 alle 17.

“Siamo contenti di aprire ai cittadini le porte di Ronda per un evento che unisce arte e solidarietà”, afferma Magda Baietta, fondatrice di Ronda Carità e Solidarietà. “Si tratta di un’iniziativa volta a far conoscere e a condividere le nostre attività orientate a promuovere il reinserimento sociale delle persone senza dimora. Speriamo sia un’occasione per condividere con il territorio i valori in cui crediamo, come l’importanza della relazione con la persona e il rispetto della dignità umana”.

Per info
eventi@rondacaritamilano.com, 02 45863842.

Programmi per i giorni 21 e 22 giugno

Venerdì 21 Giugno 2019

h. 19.30 – Inaugurazione della mostra e saluti istituzionali:

  • Magda Baietta, Presidente di Ronda Carità e Solidarietà;
  • Miriam Pasqui, Unità Coordinamento delle Emergenze Sociali, Comune di Milano;
  • Don Virginio Colmegna, Presidente Casa della Carità “A. Abriani”;
  • Caterina Antola e Giuseppina Rosco, Municipio 3, Comune di Milano.

h. 20.00 – Letture interpretate a cura di Youmani Onlus Rinfresco

Sabato 22 Giugno 2019

h. 10-17 – Apertura Mostra (INGRESSO LIBERO)

h. 19.30 – Cena Solidale con cucina naturale in sostegno di Ronda e musica dal vivo di Never Too Late.

Per la cena, offerta minima a partire da 25€. Prenotazione obbligatoria entro il 18 giugno a eventi@rondacaritamilano.com

tel. 02 45863842 / Daniele 348 5542964



SHARE
Previous articleGRAZIE PILLOLA…!
Next articleDonne, mafia e ambivalenza
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”