Non è successo niente, lo spettacolo: L’imbarazzante club tour.

0
166

Non è successo niente è il libro tratto dal blog omonimo fenomeno del web ed è uscito il 16 maggio, in libreria, edito da BeccoGiallo.
L’autore Nicolò Targhetta firma una raccolta di storie veloci, corrosive, da leggere sulla metro o nella pausa pranzo. Un concentrato di ironia che si prende gioco dei nostri tic, delle nostre paure, delle nostre inadeguatezze. 
Dal blog, oltre al libro, è stato tratto un omonimo spettacolo teatrale che – dopo i primi appuntamenti sold out in Veneto, terra natale dell’autore – farà tappa a Bologna (23 maggio), Torino (27 maggio), Milano (28 maggio), Roma (19 luglio), Firenze e Napoli (date da definire). 

Nicolò Traghetta
Lo spettacolo teatrale riproporrà in una veste del tutto nuova i testi che
hanno reso celebre il blog Non è successo niente: un mix
esilarante di dialoghi alla Joe R. Lansdale e situazioni alla
Woody Allen, conditi con abbondanti dosaggi di Monty Python, Pif, Stefano Benni e Guido Catalano,
racconta le avventure comiche e surreali dei trentenni Nicolò, Sergej e Primo.
Ad interpretare i racconti sul palcoscenico saranno gli attori
Andrea Pergolesi e Riccardo Gamba, ma non mancherà naturalmente la presenza dell’autore del blog Nicolò Targhetta.
Originariamente pubblicate ogni giorno a mezzogiorno sulla pagina Facebook del blog, le puntate di Non è successo niente sono
diventate un immancabile
appuntamento quotidiano per 90.000 fedelissimi lettori, tanto da
convincere Becco Giallo a raccogliere gli episodi migliori in un
libro uscito lo scorso 16 maggio e presentato in anteprima al
Salone del libro di Torino.
“In occasione dell’uscita del libro – spiega l’autore Nicolò Targetta me ne vado un po’ in giro per l’Italia a ridimensionare qualsiasi aspettativa vi siate fatti nei miei confronti. Due attori molto più carismatici del sottoscritto daranno vita ad alcuni fra i pezzi più memorabili del blog mentre io starò da qualche parte, in un raggio di trenta metri, a bere forte e importunare lo staff”.
Infine, sul significato del titolo: “Non è successo niente è
quello che dicevo ai miei quando, da piccolo, tornavo a casa da
scuola.
Mi succedevano le cose più spaventose in quella scuola, cicatrici
esperienziali che mi avrebbero segnato tutta la vita e io a “
com’è andata oggi?” rispondevo sempre “non è successo niente”.
La cosa si è ripetuta dopo l’università. 110 e lode, applausi e poi
non è successo niente.
Anche per colpa mia, si intende. Ma mi sono scoperto a
riutilizzare quella scusa.
Quando qualcuno ti dice che “non è successo niente”, significa,
di solito, che è successo tutto quanto”.

Non è successo niente, L’imbarazzante Club Tour
Milano 28 maggio, Serraglio
Via Gualdo Priorato 5 ore 21.30
Ingresso Euro 11.50 con Tessera ACS

Ufficio Stampa Morning Bell
Rossella Savino
rossella@morningbell.it
3471589449



                                                                                                                                                         

i

SHARE
Previous articleÈ un uomo abusante? La prevenzione come strumento di difesa.
Next articleLA POETICA NELL’ARTE FOTOGRAFICA: OPERE DI CLAUDIO MARCOZZI
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”