sabato, Maggio 18, 2024
HomeCosa succede in cittàMostra fotogrfica Semi di Speranza.

Mostra fotogrfica Semi di Speranza.

Venerdì 31 marzo a Bergamo, inaugurazione e conferenza stampa della mostra fotografica organizzata da ‘Semi di speranza’, dedicata agli effetti dell’emergenza climatica, in particolare in Myanmar, secondo Paese al mondo più soggetto a eventi meteorologici estremi.

Gli scatti sono stati realizzati da Gianfranco Ferraro con la curatela di Sandro Iovine, per Fondazione CESVI, attiva nel mondo con progetti legati alle conseguenze del cambiamento climatico. La mostra sarà poi visitabile sino al 30 aprile.

All’inaugurazione, venerdì 31 marzo alle 11 al Palazzo Ex Ateneo, in piazza Reginaldo Giuliani a Bergamo, interverranno il fotografo Gianfranco Ferraro, il curatore Sandro Iovine, rappresentanti di FAO, AICS, CESVI e Comune di Bergamo.

L’accredito  stampa è obbligatorio entro giovedì 30 marzo alle 13 scrivendo al seguente indirizzo mail:

agnese.gazzera@atlantiscompany.it

Ufficio Stampa Atlantis Company Srl

www.atlantiscompany.it


Ganzetti Raffaella
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments