sabato, Giugno 22, 2024
HomeL’arte per narrarsiQuella rarità che rende divi. Gina Lollobrigida nel ricordo di Mario Vespasiani.

Quella rarità che rende divi. Gina Lollobrigida nel ricordo di Mario Vespasiani.

Quando incontrai per la prima volta Gina Lollobrigida più di venti anni fa, fu simpatia a prima vista, io nel riformulare nel mio immaginario tutte quelle sue innumerevoli interpretazioni, lei nell’aver scoperto un ragazzo così impavido e colorato quasi uscito dai propri dipinti.
Eravamo ad una mostra, una delle mie prime esposizioni in trasferta e lei rimase incuriosita dalle opere quanto dal personaggio, al punto che nonostante gli ospiti ci fermammo a parlare a lungo di ben altro, della componente umana che rende unici. Faceva riferimento al mio stile, al fatto che lo trovasse aderente alle opere, quasi uscito dalle tele e più lo descriveva più il mio stupore aumentava, come se stesse guardando dentro di me, ma anche nel mio futuro. Dunque con una storia da diva del genere – dai sette David di Donatello al Golden Globe, dai due Nastri d’Argento alla stella sulla celebre passeggiata della Hollywood Walk of Fame, quale simbolo del cinema italiano nel mondo, tanto da essere diretta dai più celebri registi dell’epoca – le chiesi il consiglio più ovvio: come fare a diventare una persona di valore

Ripose nella maniera più semplice e spiazzante possibile: “Rimani quello che sto vedendo davanti a me, rifletti sempre la raffinatezza dei tuoi colori, nell’aspetto esteriore e la profondità dei tuoi temi, nelle tue azioni. Non fare distinzioni tra il lavoro e la persona, ma calati nella parte che la vita ti chiama ad essere senza indossare maschere“.

Parlammo ancora per qualche minuto dei suoi film e quando mi chiese il preferito, non le dissi il titolo ma direttamente Fata turchina e lei, appoggiandomi la mano sul fianco – avrei dovuto pensarci, per via dei capelli lilla – non solo le risposi, ma perché hai incarnato nella mia fantasia la bellezza terrena che diventa eterea, celeste, come solo una mamma sa essere, quando pur a distanza e senza farsi notare ci guarda, guida e ci augura ogni bene. Una Madre-Madonna, qualità propria delle grandi donne, che vivono in noi e il nostro cuore, anche quando uomini, porta con sé quella loro femminilità.

Continuai con l’ennesima domanda che più o meno diceva questo: Gina ma come faccio a rimanere impresso nel cuore di chi amo e di chi semplicemente apprezzo? Mi disse, con gli occhi lucidi: vedi, nel mondo del cinema sono e saranno sempre più rari i divi rispetto ai bravi attori, perché sta venendo meno la signorilità, la stima reciproca, rispetto alle gelosie; il divo lo riconosci dalle maniere, non solo dal talento. Ricordati allora di essere un gentiluomo, non solo un maestro, distinguiti nelle piccole cose, nelle cortesie anche quando non sono dovute. Non guardare gli eventi o le cose, dall’alto del livello che hai raggiunto, ma verso l’alto, stagliate sul cielo dove ti appariranno più grandi e luminose e tu avrai il dono di raccontarle nei dipinti e di goderne come davanti ad una meraviglia.

Fino a quel momento avevo in mente una sua fotografia in compagnia di Salvador Dalì, ora il posto del genio catalano era occupato da me appena ventenne, con la stessa audacia di chi deve ancora dimostrare tutto, ma con la certezza di saperlo fare. In una posa sicura avevo lanciato il talento più lontano dello sguardo, dove è di casa solo la più fervida immaginazione. Ma era realtà e non più immaginazione.

A cura di Mario Vespasiani.

Mario Vespasiani è uno dei più autorevoli artisti visivi italiani, di recente ha ricevuto dal Generale dell’Arma dei Carabinieri Rosario Aiosa la targa del gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia e in questi giorni le sue opere sono in mostra insieme ai capolavori di Francisco Goya”.

Ganzetti Raffaella
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments