mercoledì, Giugno 29, 2022
HomeCosa succede in cittàMyung-Whun Chung dirige la Filarmonica della Scala nella Prova Aperta a favore...

Myung-Whun Chung dirige la Filarmonica della Scala nella Prova Aperta a favore del Pio Istituto di Maternità.

È il Pio Istituto di Maternità Onlus l’organizzazione beneficiaria del nuovo appuntamento con l’undicesima edizione delle Prove Aperte della Filarmonica della Scala, l’iniziativa realizzata con il patrocinio del Comune di Milano e in collaborazione con il Main Partner UniCredit, UniCredit Foundation ed Esselunga.

Dopo il grande successo della serata diretta da Gianandrea Noseda a sostegno della Fondazione Visitatrici per la Maternità Ada Bolchini Dell’Acqua Onlus, il ciclo benefico al Teatro alla Scala di Milano prosegue domenica 10 aprile 2022 alle 19.30.Sul podio salirà Myung-Whun Chung e in programma ci sarà la Sinfonia n.9 in re maggiore di Mahler. Anche in questa occasione il pubblico potrà assistere alla messa a punto di un grande concerto a prezzi contenuti contribuendo allo stesso tempo a un’importante causa sociale.

Il Pio Istituto di Maternità, infatti, offre dal 2006 il Progetto Pasteur, un servizio di accoglienza destinato alle famiglie di bambini gravemente malati che risiedono fuori provincia o fuori regione e che necessitano di un alloggio durante il ricovero e la convalescenza dei piccoli. Il progetto conta oggi 7 accoglienti bilocali per un totale di 34 posti letto. Tutte le unità abitative sono dotate di ogni servizio e completamente arredate, al fine di ricreare il più possibile l’atmosfera di casa: un luogo di vita dove si possa riunire tutto il nucleo familiare per affrontare nel miglior modo possibile la lontananza da casa e la malattia del bambino. Con i fondi raccolti attraverso la Prova Aperta sarà possibile sostenere le spese straordinarie e improrogabili necessarie per migliorare le strutture delle case di accoglienza gestite dal PIM.

Grazie al coinvolgimento dei musicisti della Filarmonica della Scala, di grandi direttori e solisti ospiti, le Prove Aperte sono ormai diventate un atteso appuntamento con la solidarietà per tutta la città, oltre che un evento molto sentito da un vasto pubblico di appassionati. La proficua sinergia tra pubblico, privato e organizzazioni non profit ha permesso in oltre dieci anni di rispondere a molti e diversi bisogni della comunità, dalla cura dei bambini e degli anziani alla lotta alla povertà, dall’assistenza alle persone con disabilità alla ricerca scientifica fino alle iniziative per i giovani delle periferie.

Questa undicesima edizione, in particolare, sostiene tre realtà non profit che a Milano ospitano e assistono le famiglie di bambini e ragazzi, provenienti da tutta Italia, ricoverati nei più importanti ospedali della città. L’ultimo appuntamento è in programma domenica 23 ottobre 2022 con l’esibizione a favore della LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Milano Monza Brianza APS, diretta da Riccardo Chailly con la partecipazione di Pablo Ferrandez al violoncello.

La formula che permette di assistere a una prova musicale si arricchisce sempre dell’esperienza di una breve guida all’ascolto, in un’atmosfera informale di vicinanza con l’orchestra e il suo direttore.

Il programma completo è disponibile su filarmonica.it/proveaperte

#ProveAperte

Il ciclo delle Prove Aperte è reso possibile dalla collaborazione con il Teatro alla Scala. Media partner sono ViviMilano e Radio Popolare.

Biglietti per i singoli concerti da 5 a 35 euro – esclusi i diritti di prevendita

Informazioni e prevendita: biglietteria@aragorn.ithttps://aragorn.vivaticket.it/

Filarmonica della Scala
Marco Ferullo
marco.ferullo@filarmonica.it cell.
347 19 32762 – tel. 02 72023671

Aragorn
Anna Tagliabue
annatagliabue@aragorn.it
cell. 377 7051754
Ganzetti Raffaella
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments