lunedì, Agosto 8, 2022
HomeL’arte per narrarsi“ANIME SOTTILI” GIANNA AMENDOLA

“ANIME SOTTILI” GIANNA AMENDOLA

Da un setoso viluppo, fugge una filiforme levità e racconta due “ANIME SOTTILI” …

Gianna Amendola accoglie quel delicato nucleo tra le proprie mani e rivela, cautamente, gli umori di quel “nodo”, che suggella la storia di un’appartenenza diadica e altresì universale.

L’autrice campana coglie quel dualistico seme, infisso addentro un quiescente spazio terraqueo: il pennello ricama quindi una laiason, che suggella polvere e nuvola, acqua e fiamma, segno e colore, corpo e spirito, il due all’Uno e… al cosmos.

L’amore è sutura.

Sutura, non benda, sutura – non scudo

(Oh, non chiedere difesa!)

Sutura, con cui il vento è cucito alla terra,

come io a te sono cucita.

(Marina Cvetaeva)

Gianna Amendola imbibe le seriche trame nel fluire continuo del proprio animo gentile: ivi intinge la morbida punta, per sublimare una coppia di delicati ovali.

Essi ammiccano e affermano la loro nascita.

L’autrice ruba, poi, i bronzei umori di un interstizio fantastico e, medesimamente, reale, che contaminano i lineamenti fisici di quella lieve genesi; le radici umane, allora, si confondono con l’etimologia della natura. Imporpora, poi, con della rossa incandescenza, quella primieva mescianza, e vi ama cauti aliti: quel delicato vento sospinge il verso, che reclama l’intima poesia di una sferica luna.  

Non si tratta di un globo volatile, però, bensì è un candore di terra, allignato a valori saporosi di semplicità e fecondità.

Quel morbido nicchio, fatto da fili di una memoria superiore e atemporale, muta, tra le trame sfumate della pittrice, in un materno grembo assoluto, indovato, alfine, nelle profondità marine o nel riserbo di un adombrato e notturno manto.

La finitezza cessa, così, di esistere, nella verità dell’inconscio e dell’anima, cedendo il passo ad uno spazio esperienziale  più riflessivo e evoluto.

L’apparente frugalità delle pagine artistiche dell’autrice campana rappresenta, in realtà, una trasposizione diretta di concetti e visioni, pregni di importanti contenuti.

Scent Of Art, spazio di divulgazione artistica a cura di Maria Marchese.

Maria Marchese
Maria Marchese
Maria Marchese, scrittrice, poetessa e curatrice d’arte, nasce a Como nel 74. Dopo la maturità scientifica, si iscrive all’istituto internazionale di Moda&Design “Marangoni”, a Milano. Per oltre 20 anni svolge attività nel settore socio assistenziale. Collabora con il blog culturale dell’università Insubria, con lo storico dell’arte Valeriano Venneri, con Exit Urban Magazine e Art&Investments, con il Blog L’ArteCheMiPiace , con l’associazione culturale Nuovo Rinascimento, con la Galleria “Il Rivellino”, di Ferrara, con l’associazione Divulgarti, di Genova, con la Art Global, di Roma, con AArtChannel di Ferrara.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments