giovedì, Agosto 11, 2022
HomeL’arte per narrarsi“MON” ANDREA GRIECO.

“MON” ANDREA GRIECO.

“Non lo nutrono con grano, sempre solo della possibilità che fosse.

E questa diede tanta forza all’animale che quello da sé trasse un corno. Un corno.

Bianco davanti a una vergine passò, e fu nell’argento dello specchio, fu in lei. “

R. M. Rilke

Possibilità, forza, immagine inconscia riflessa in uno specchio intimo, virgineo pensiero femmineo, penetrazione… gli elementi che Rilke sintetizza e poeta, tra le trame di questi versi, sembrano coesistere in MON, uno degli ultimi artwork, di Andrea Grieco.
L’autore “reclama” la presenza di una necessaria soglia altra: un pensiero ventoso e irrequieto muove, indi, l’aria circostante, compromettendo la quiete “dei velati occhi”…
Essi allora si affacciano su un suolo mutevole, ove l’irrequietezza intellettiva e animica ha sollevato polverose macchie temporali, che celebrano questa presenza teromorfica, concepita, dall’artista, nella terra laddove l’accettabile e l’impensabile coesistono.
Andrea Grieco ha un’intuizione che ferve… ne segue il richiamo, affrontando, da subito, la propria ricerca, tra pagine e immagini; centellina poi gli istanti del proprio “delirio” , scorporando, dal letto precedente, i fondamenti essenziali per la propria sinossi estetica.

Mon (artwork 33×33)

L’indole brada scandisce, in “MON” , l’atemporalità del fermo immagine a cut up, dell’artista partenopeo, mentre, seducente, una donna richiama, “distrattamente, l’attenzione” , tra respiri erotici intensi, seppure soffusi e personali. Un’appendice sul capo predispone la conoscenza dell’osservatore nella sfera della leggenda, tra echi di gesta umane e divine.
Manto animale e latex, attualità e narrazione epica, castità e eros, verità e fantasia, ricordo oppure oblio, movimento o statutaria fermezza… le lame di Andrea Grieco cesellano il significato dello “yin” e dello “yang” nel medesimo nucleo, per addivenire all’integrità soggettiva, quindi mutevole e sospesa.
“La prosa è una caccia all’uomo, la poesia una caccia all’unicorno”   Alain Bosquet
La libagione importante, negli elaborati di Andrea Grieco, è questa poesia intrinseca e complessa, che è spinta motrice assoluta; essa allontana l’uomo dai contorni fisici e, solo apparentemente, da se stesso, per ritrovare un sé inedito attraverso l’alternativa inconsueta.

L’opera sarà presente nel contesto della personale “LIMBICA” , la cui inaugurazione si terrà il 28 Maggio, presso la BM Gallery, di Olivia Bracci, nella città di Orvieto.

Scent Of Art, Spazio di divulgazione artistica a cura di Maria Marchese

Maria Marchese
Maria Marchese
Maria Marchese, scrittrice, poetessa e curatrice d’arte, nasce a Como nel 74. Dopo la maturità scientifica, si iscrive all’istituto internazionale di Moda&Design “Marangoni”, a Milano. Per oltre 20 anni svolge attività nel settore socio assistenziale. Collabora con il blog culturale dell’università Insubria, con lo storico dell’arte Valeriano Venneri, con Exit Urban Magazine e Art&Investments, con il Blog L’ArteCheMiPiace , con l’associazione culturale Nuovo Rinascimento, con la Galleria “Il Rivellino”, di Ferrara, con l’associazione Divulgarti, di Genova, con la Art Global, di Roma, con AArtChannel di Ferrara.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments