lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeCosa succede in città“NATURA NATURANS II”, DAVIDE CHIONNA.

“NATURA NATURANS II”, DAVIDE CHIONNA.

“Ho una grande fiducia in un seme. Convincimi che hai un seme, e sono pronto ad aspettarmi meraviglie. “
 Henry David Thoreau

Davide Chionna possiede chiaramente quel seme, custodito, e, medesimamente, mostrato, nel palmo: dischiude quest’ultimo, preservando, però, il nucleo, come accade in un caldo nicchio.

Ivi l’autore ne ammanta la gestazione con cura…

NATURA NATURANS II” è il disvelamento di una gemmazione, umana e artistica; luminose e verdi “lingue” fioriscono il brado eloquio del suolo incontaminato.

“Se ci si fermasse ad ascoltare il lavoro delle radici, chi riuscirebbe a dormire? “ Fabrizio Caramagna

Nottivago e improvviso giunge, infatti, all’ascolto intuitivo e sensibile dell’autore, il muto fragore della crescita… esso sussurra, impenitente e candido, la necessità d’esser disvelato.

Davide Chionna accoglie quel salvifico castigo e ne elargisce le amabili inquietudini: ruba indi trame lignee e cartacce, cementandone il verso con polvere e acqua, per vivificarne e riempirne il senso e i sensi.

Nascono, così, queste naturali infiorescenze, pregne dei racconti della terra e del cielo: una Cantico delle creature vivido, che sposa la fondatezza di un ordinato caos primievo, laddove la verità passa attraverso una catarsi, sospesa tra materia e inconscio.

L’artista, che è altresì docente e architetto, vi infonde la presenza alacre e certosina di policrome molecole esistenziali: esse sprigionano il dinamismo comunicativo di un vagito primordiale, teso verso il ritorno all’integrità.

Davide Chionna traduce questa sottile ma “efficace” lettura, personale e universale, addentro una composizione plastica raffinata ed elegante.

Il ciglio dell’architetto interviene, infatti, come co-scrittore di questa pagina artistica: sovrapposizioni, interstizi, pieni e vuoti, apici cromatici, movimenti… vengono, da lui, equilibrati e liberati, poi, in un coinvolgimento totale, sia estetico che personale.

“Solleva la natura, Dio è sotto” Victor Hugo

L’artista sorrade la “verde pelle” , che rabbrividisce di piacere, per sollecitare l’individuo a ricongiungersi con la sfera della sacralità dell’uomo.

L’intima esortazione a non adulterare noi stessi in virtù del riappropriarci del nostro io più vero e divino, ivi fluisce chiaramente.

Scent of Art, Spazio di divulgazione artistica a cura di Maria Marchese

Immagine di copertina NATURA NATURANS II, Polimaterico, 100×100, 2019

Maria Marchese
Maria Marchese
Maria Marchese, scrittrice, poetessa e curatrice d’arte, nasce a Como nel 74. Dopo la maturità scientifica, si iscrive all’istituto internazionale di Moda&Design “Marangoni”, a Milano. Per oltre 20 anni svolge attività nel settore socio assistenziale. Collabora con il blog culturale dell’università Insubria, con lo storico dell’arte Valeriano Venneri, con Exit Urban Magazine e Art&Investments, con il Blog L’ArteCheMiPiace , con l’associazione culturale Nuovo Rinascimento, con la Galleria “Il Rivellino”, di Ferrara, con l’associazione Divulgarti, di Genova, con la Art Global, di Roma, con AArtChannel di Ferrara.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments