sabato, Maggio 28, 2022
HomeL’arte per narrarsiFrammenti dell'io. Intervista a Flavia Mannucci.

Frammenti dell’io. Intervista a Flavia Mannucci.

Flavia Mannucci fa del colore un reale manto esistenziale: l’artista abruzzese lo accoglie e lascia che esso permei tra le trame del quotidiano, della psiche, dell’anima…
L’autrice smaterializza poi la realtà e in polverosi e onirici stati e in spazi gestuali decisi, ove il pigmento cromatico elargisce un linguaggio esaustivo e mirifico. Le opere, che toccano corde intime e sociali universali, regalano momenti di vero stupore estetico e profonda riflessione.

Chi è Flavia Mannucci?

Io, Flavia Mannucci, sono una appassionata dell’arte in genere, appassionata del bello, soprattutto della natura, dei suoi aspetti e dei suoi colori.
Nasco “pittrice” nel 2003, tardi, avrei voluto farlo prima ma, gli studi classici, la famiglia, il lavoro hanno ritardato la realizzazione di un sogno e di una grande passione.

Vieni definita colorista. Spieghiamo ai meno esperti il senso di tale aggettivo.

Vengo definita colorista, mi piace, ma chiarisco che la scelta dei colori non è mai programmata ma, a seconda del cao,  impulsiva e/o intuitiva.

In “Grigio Polvere” due forze in antitesi trovano spazio.
L’opera in questione sorge a seguito del tragico evento del crollo del ponte di Genova, da te rappresentato tramite un escalation di stati d’animo e lo sguardo volto al futuro. Dramma, rinascita, speranza.
Narraci questa tua personale interpretazione.

“Grigio polvere” è una delle poche mie espressioni pittoriche in cui il colore (quasi monocolore) è limitato a poche sfumature perché avevo la necessità di esprimere l’ansia e l’angoscia di un tema tragicamente coinvolgente. Nonostante il drammatico evento spiragli di luce sono sempre presenti in chi crede nella rinascita fisica e spirituale dell’uomo.

Cosa scuote la tua anima e quali meccanismi ti inducono a trasmettere al pubblico ogni sensazione tramite la tela?

Sin dall’inizio è stata una mia “PRESUNZIONE” cercare di esprimere emozioni e stati d’animo con il “COLORE”: espressione aulica del sentire umano.
Credo sia il fine di ogni artista (di chi fa ARTE) coivolgere con i propri mezzi l’osservatore o fruitore dell’opera.
Si è pienamente appagati soltanto quando si riesce a emozionare.

Materia, segni e colore. Secondo quali modalità detti elementi interagiscono tra loro?

Materia, segni e colori interagiscono tra loro in maniera del tutto spontanea. Basta osservare la natura per renderci conto che tutti i colori, nessuno escluso, sono indispensabili e appropriatamente utilizzati a seconda del caso e recepiti e seconda dello stato d’animo di chi osserva.

Utilizzi toni che generano riflessioni in coloro che osservano.  Come si origina detta potenza?

Confermando quanto detto prima, la scelta dei colori e il loro utilizzo mi viene in maniera spontanea. Solo quando mi sento del tutto appagata, allora, ritengo l’opera compiuta.

Infine ti chiedo: travolgere il pubblico per mezzo della componente emotiva è un’ esigenza dell’artista?

Certamente, obiettivo di ogni artista è colpire al cuore, dare brividi, emozionare…… che senso avrebbe altrimenti l’ARTE?

Frammenti dell’io, collettiva d’arte a cura di Maria Marchese e Valeriano Venneri

Inaugurazione

Giovedì 27 Gennaio 2022 presso “QUO IMMOBILIARIA”, Calle Canalejas 13, nella città di Alicante (ES).

Chiusura

Mercoledì 27 aprile 2022.

Media partner Milano più Sociale

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments