domenica, Ottobre 2, 2022

ALESSIO MUSELLA.

“Non permettere a nessuno di dirti che non sei un artista” e ancora “diversi galleristi, ormai, sono diventati semplici affitta pareti… “ oppure “fate attenzione agli imbonitori… “

Queste sono alcune delle affermazioni, espresse e argomentate da Alessio Musella, estrapolate durante i venti minuti a lui riservati, da Radio Padania, il mercoledì alle 17.30.

Un labbro salace, quello dell’editor di Forte dei Marmi, che mira, nel proprio lavoro di divulgatore e profondo amante dell’arte, a rendere quest’ultima fruibile da tutti, ma non solo: Alessio Musella decide di mettere in luce altresì i risvolti meno felici di un mondo che, nel corso degli anni, ha perduto, in troppe sedi preposte a proporla, il rispetto per quest’ultima.

Questi accade a causa della mera mercificazione.

Ciò non significa che un buon lavoro editoriale, di diffusione o curatela, non vada riconosciuto economicamente; quando il soldo diviene, però, lo scopo di un itinerario artistico, allora vien meno la sceltezza e, conseguentemente, scemano il riconoscimento delle capacità e del talento.

Ma chi è Alessio Musella?

Parlando di lui si può tranquillamente asserire che il suo risveglio coincide con la propria professione: telefono alla mano, step by step, con cui segue collaboratori e artisti, accende nuovi traguardi, gestisce umori e seda malumori, comprova e documenta, sui social, la veridicità del proprio percorso lavorativo.

Alessio Musella lascia a 19 anni l’Italia per l’Arabia Saudita: da lì si muove professionalmente come interior designer e analista, relativamente all’apertura dei mercati internazionali, per le molte aziende legate al mondo dell’arredo, che, abitualmente, inseriva nei progetti di interni.

In seguito, amplia le proprie conoscenze tra Europa e Stati Uniti.

Allo stesso tempo, grazie all’aiuto dell’architetto che lo ha portato in Medio Oriente, riesce a dare e a superare gli esami alla facoltà di Architettura.

Con l’evolvere delle opportunità, che egli stesso crea grazie alla consapevolezza e alla caparbietà, la sua figura matura in quella di “problem solving “ nel settore di lusso made in Italy: dà lì, le sue prospettive si aprono a 360’ .

Nasce così Contract Cube: un contenitore, in cui l’editor accorpa dal gioiello al design, alla macchina… e, affiancandosi, di volta in volta, teams capaci e aziende scelte, fornisce un supporto concreto e efficace per la realizzazione di un progetto completo e soddisfacente.

Altro punto forte di Alessio è il mensile Exit Urban Magazine. A fronte della ferma volontà di portare l’arte nelle case di tutti, egli escogita, valendosi della collaborazione di Nerina Fernandez, una soluzione on line e cartacea, espressa sotto forma di compresse cromatiche “popolar”, in cui i testi sono di una semplicità estrema.

I blogs  “Art&Investments” e “W. L. Magazine “ affiancano quest’ultima quotidianamente, mantenendo così la continuità col lettore, attraverso interviste personali e curiose e interventi sintetici e peculiari.

I vari progetti editoriali si arricchiscono e evolvono continuamente, grazie alla diversità di ogni singolo componente: la caratteristica vincente, che contraddistingue il team, infatti, è proprio la molteplicità delle personalità che lo compongono. Il giornalista, il curatore, il critico d’arte … rappresentano ruoli diversi, che, sistematicamente, si occupano di specifiche argomentazioni, con un approccio appropriato: un linguaggio così diversificato diventa allora “poliglotta” e indispensabile, per poter raggiungere un vasto pubblico, dal più preparato al neofita.

Una situazione, questa creata dall’editor, che risulta sempre attuale e vincente.

Altri assi nella manica sono “artandbrand”, le collaborazioni fisse con il blog culturale L’ArteCheMiPiace, dell’artista calabrese Giuseppina Irene Groccia (GiGro) , e con i canali divulgativi della poetessa e curatrice artistica Maria Marchese, nonché gli articoli realizzati per “The Web Coffee” .

Con la prima iniziativa, l’intento è quello di poter permettere a chiunque di avere un qualcosa del proprio artista del cuore: gli elaborati vengono riportati quindi su felpe, berretti, t-shirt…

Per quanto riguarda le interazioni con GiGro e Maria Marchese, sono nati scambi fecondi tra le 3 parti: l’interazione tra i loro punti di vista, sempre molto peculiari e personali, sta portando una vivace, competente e costante presenza, che approda ad una conoscenza dei più diversi aspetti del mondo dell’arte. Questi ultimi sono narrati e interpretati con differenti voci e, perciò, assolutamente lontani da una realtà, che spesso risulta monotona e noiosa.

Altra presenza costante della penna di Alessio Musella è costituita dagli articoli che realizza per “The Web Coffee”  : una realtà giovane, in cui l’editor presenzia attraverso testi, che possano arrivare e convincere anche una fascia d’età più “verde”.  

Alessio Musella affianca e sostiene importanti campagne di sensibilizzazione sociale, per quanto riguarda problematiche sempre vive e dolorose: dal razzismo, alla violenza perpetrata nei confronti delle donne, all’infanzia…

Il termine “Developer” , solitamente non associato al mondo dell’arte, gli appartiene; sono diversi infatti gli artisti che segue e consiglia, aiutandoli a muoversi nell’universo contemporaneo, mai semplice da permeare. Lo fa però senza false promesse: “La bacchetta magica non esiste”  sostiene da sempre “esistono invece parametri, che possono aiutare ad essere più conosciuti, ma riconoscibilità e vendite, spesso, non sono gemelle” .

 



Scent Of Art, Spazio di Divulgazione Artistica a cura di Maria Marchese

Maria Marchese
Maria Marchese
Maria Marchese, scrittrice, poetessa e curatrice d’arte, nasce a Como nel 74. Dopo la maturità scientifica, si iscrive all’istituto internazionale di Moda&Design “Marangoni”, a Milano. Per oltre 20 anni svolge attività nel settore socio assistenziale. Collabora con il blog culturale dell’università Insubria, con lo storico dell’arte Valeriano Venneri, con Exit Urban Magazine e Art&Investments, con il Blog L’ArteCheMiPiace , con l’associazione culturale Nuovo Rinascimento, con la Galleria “Il Rivellino”, di Ferrara, con l’associazione Divulgarti, di Genova, con la Art Global, di Roma, con AArtChannel di Ferrara.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments