domenica, Giugno 13, 2021
HomeCosa succede in cittàACRA E I GIOVANI CONTRO IL CAMBIAMENTO CLIMATICO DALL’ITALIA AL BURKINA FASO.

ACRA E I GIOVANI CONTRO IL CAMBIAMENTO CLIMATICO DALL’ITALIA AL BURKINA FASO.

Le nuove generazioni protagoniste delle sfide globali su ambiente e alimentazione, per un futuro più sostenibile. Dal 4 al 18 marzo, “CambiaMenti” quattro incontri digitali gratuiti per ripensare l’educazione alla cittadinanza globale. Il 12 marzo la marcia online della campagna #2021Ultimachiamata.

ACRA – organizzazione non governativa milanese – dopo aver fornito, insieme a STMicroelectronics Foundation, più di 300 pc a famiglie in condizione di fragilità per l’accesso alla didattica a distanza in Italia, rilancia il suo impegno a fianco delle nuove generazioni affinché siano protagoniste della costruzione di un futuro più equo e sostenibile.

 «La chiusura delle scuole, la precarietà della situazione lavorativa, l’accesso non eguale al welfare e il perdurare dell’emergenza sanitaria, stanno avendo un impatto fortissimo sulle nostre società, generando forti preoccupazioni sul futuro, in particolare nei giovani – racconta Valentina Rizzi, referente area Italia e Cittadinanza Globale di ACRA e aggiunge – la pandemia ha mostrato ancora di più quanto le nostre società siano interconnesse e globali e quanto le scelte su scala locale abbiano un impatto anche dall’altro capo del mondo. Oggi più che mai, ogni cittadino deve impegnarsi consapevolmente nell’affrontare le grandi sfide delle nostre società».

Per dare voce alle richieste delle nuove generazioni, è stata lanciata la campagna #2021ultimachiamata – promossa da ACRA, Oxfam Italia, Centro Cooperazione Internazionale, CISP, COPE, Marche Solidali, We World, all’interno del progetto “In Marcia Con Il Clima” sostenuto dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) – con l’appello ad un maggiore coinvolgimento dei giovani nelle decisioni nazionali e locali che riguardano la salvaguardia dell’ambiente e la lotta al cambiamento climatico. La campagna culminerà con due eventi digitali: il 12 marzo, una marcia online in cui confluiranno le proposte elaborate da oltre 10 mila giovani; il 19 marzo, l’evento conclusivo del progetto che promuoverà lo scambio di prospettive tra giovani attivisti da tutto il mondo.

Dal 4 al 18 marzo, inoltre, è possibile partecipare ai quattro incontri online gratuiti della rassegna “CambiaMenti”, promossa da ACRA con Oikos, Aspem, Celim, CoLomba e Comune di Milano, per confrontarsi sulle nuove sfide e opportunità dell’Educazione alla Cittadinanza Globale e dell’Educazione Civica, nel contesto attuale in rapida evoluzione. Informazioni sul sito: https://www.acra.it/it/notizie/eventi/cambiamenti. Al primo incontro del 4 marzo si sono iscritte più di 100 persone tra attori della società civile e del terzo settore, insegnanti e cittadini. L’incontro del 18 marzoLe Comunità educanti oltre la crisi”, per condividere pratiche educative e di Cittadinanza Globale “resilienti” introdotte durante la pandemia, farà parte del palinsesto della Milano Digital Week 2021, quest’anno focalizzata su innovazione, tecnologia e sostenibilità.

L’organizzazione milanese è attiva anche all’estero per la creazione di un mondo più sostenibile e più equo: si è da poco tenuto il 4°Forum delle città africane aderenti al Milan Urban Food Policy Pact, a Ouagadougou in Burkina Faso e online, in collaborazione con il Segretariato MUFPP e i Comuni di Milano e di Ouagadougou, co-finanziato dall’AICS e dall’Unione Europea. L’evento ha coinvolto più di 70 partecipanti online e più di 50 in presenza da oltre 20 Paesi che hanno discusso sulle sfide globali della sostenibilità, relazione tra cambiamento climatico e sistemi alimentari urbani, risposte delle città alle pandemie. Protagonisti anche i giovani con un evento di scambio online tra ragazzi europei e africani, per riflettere sulla tutela del clima e la sostenibilità delle proprie città e con la premiazione delle idee e soluzioni digitali innovative per l’ambiente proposte dai giovani Burkinabé.
Per sostenere azioni concrete contro il cambiamento climatico, come le attività con i giovani e le istituzioni in Italia e Burkina Faso, ACRA ha lanciato la campagna #GrowGreen per la conservazione delle biodiversità, degli ecosistemi a rischio, delle aree verdi e per l’educazione ambientale e la promozione di stili di vita più sostenibili, in tutti i suoi 12 Paesi d’intervento. Visita il sito: https://www.acra.it/it/campagne/grow-green

ACRA
ACRA (www.acra.it) è un’organizzazione non governativa, laica e indipendente, fondata a Milano nel 1968 e impegnata da oltre cinquant’anni nella cooperazione internazionale e nel contrasto delle povertà attraverso soluzioni sostenibili, innovative e partecipate.
Lavora con le comunità locali in Africa, Asia e America Latina per garantire il diritto d’accesso a cibo, acqua, educazione, energia e per la tutela dell’ambiente. In Europa e in Italia promuove una cultura di dialogo, integrazione, scambio interculturale e solidarietà. Organizza attività educative per le scuole e per la promozione di modelli agricoli e di pratiche di consumo sostenibili.

 Per donare il 5×1000 a ACRA: https://sostieni.acra.it/5×1000/

Ufficio Stampa Atlantis Company – 02.367529.62

Martina Ripamonti: 375.5268616 – martina.ripamonti@atlantiscompany.it

Nora Licursi: 375.6646846 – nora.licursi@atlantiscompany.it

Alessia De Rubeis: 334.9610869 – alessia.derubeis@atlantiscompany.it

 

Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments