PER SAN VALENTINO REGALA ALLA PERSONA AMATA UN BOUQUET ROMANTICO CHE VALE DOPPIO.

0
319

Scegliendo questo regalo sostieni l’associazione caf onlus

Un’idea regalo tradizionale e chic, sempre molto apprezzata dalle donne.
Perché a San Valentino i fiori non possono mancare mai. E puoi fare felice anche la mamma e la nonna.

Un ricco bouquet di rose rosse dal gusto contemporaneo, ideato appositamente per l’Associazione CAF Onlus e realizzato con passione e cura da Lucrezia Dream Grows, appassionata fioraia door to door, mamma ed ex insegnante.

Scegliendo questo prodotto sostieni le attività di accoglienza e cura che l’Associazione CAF svolge quotidianamente a favore dei minori vittime di gravi maltrattamenti e abusi.

Consegna gratuita nella giornata di domenica 14 febbraio. Disponibile solo su Milano Città. In fase d’ordine, ricordati di inserire nel campo note il nome del destinatario e, se lo desideri un messaggio d’amore personalizzato che accompagneremo al tuo regalo.

Contributo 50 euro

Bouquet romantico – Sostieni Associazione CAF


SHARE
Previous articleOBM Onlus: servono incubatrici, culle speciali e saturimetri per i piccoli prematuri del Buzzi
Next articleEmergenza Covid-19: mascherine omologate per garantire una comunicazione inclusiva agli studenti non udenti.
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”