Fiabosco, la favole prendono vita

0
139

Viaggiare tra i propri confini e riscoprire ciò che di meraviglioso ci circonda, itinerari brevi, territorio e bellezza diffusa: questi sono gli elementi della vacanza più desiderata nel 2020 con un occhio di riguardo al rispetto delle normative vigenti.

Nel giugno 2020 il 73% degli italiani hanno manifestato l’intenzione di partire in vacanza e la meta prediletta è indubbiamente la montagna. Essa è infatti considerata più sicura sia del mare sia delle città.

Proprio per questo i creatori di Fiabosco Filippo Chiadò Puli e Luca Vincent Pecora hanno pensato di rimodulare le proprie attività, proponendo attività studiate per le famiglie e per chi desidera passare del tempo di qualità in alta quota, rispettando le normative attuali di distanziamento.

Fiabosco è una proposta sostenibile, un’idea di «turismo lento». Si trova a Saint Vincent, nella località di Col de Joux, un vero e proprio paradiso immerso nel verde a un’ora e trenta da Torino, due ore da Milano e 50 minuti da Aosta.

Di cosa si tratta? Fiabosco è un parco emozionale immerso nel verde in cui si svolgono attività teatrali, laboratoriali ed esperienziali per tutta la famiglia. L’obiettivo principale dei tanti visitatori accorsi in questi mesi è chiaro: passare del tempo di qualità in famiglia lontano dallo smog cittadino e dalle preoccupazioni post-lockdown.

Dopo i tantissimi eventi del mese del luglio ecco la programmazione per il mese di agosto:

6, 7 e 20 Agosto Piccoli Esploratori Il Col de Joux si trasformerà in un luogo totalmente da esplorare! Preparatevi piccoli esploratori, fin dal mattino sarà possibile partecipare alla nostra Caccia ai Fiori!

8 agosto e 5 settembre Con il naso all’insù Osservazione del cielo stellato per la famiglia

10 agosto Notte sotto le stelle

13 agosto Festa dei colori

14-21 agosto Canti intorno al fuoco

15 agosto Ferragosto Family + Cinema all’aperto con Il Re Leone

17 agosto Giochi d’acqua

19 agosto Caccia al tesoro nel bosco Family

E per mangiare?

Parrot Express, il punto ristoro! All’interno del parco è presente il Parrot Express, la Brasserie di Col de Joux. Una struttura calda ed accogliente in perfetto stile valdonstano che fornisce servizi di ristoro: Bar, Caffetteria e Self Service per un semplice caffè o per un pranzo o una cena. La proposta culinaria prevede panini, portate fredde e calde fortemente legate al territorio al fine di scoprire i sapori autentici della cucina valdostana e una proposta street food.

L’area verde sarà accessibile 7 giorni su 7 con tutte le attività ludiche a disposizione FORZA 4 Gigante, Gioco del Cornhole, Palet, Parco Slakeline e Caccia al tesoro della BIO-Diversità.

Tutti gli eventi sono organizzati in collaborazione con lo staff specializzato nell’intrattenimento per famiglie d’eccellenza di Circowow.

Per informazioni, prezzi e prenotazioni:

Fraz Pallù 20, Col de Joux, Saint-Vincent (AO) INFO LINE: 391 751 1477

 

SHARE
Previous articleStoria di Esther, con intervento di Susana Mamani, conduttrice Radio Voz Latina En Roma.
Next articleIl Narcisismo Patologico.
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”