Intervista di Alessio Musella a Sylwester Targosz-Szalonek, musicista e tenore.

0
326

Proseguiamo il nostro viaggio nel mondo della lirica attraverso l’intervista  di Alessio Musella a Sylwester Targosz-Szalonek , musicista, tenore e direttore d’orchestra.

Sei un artista versatile di cui preferisci la forma d’arte.
Penso di essere un artista versatile (in senso musicale e teatrale).
Sono un musicista che si esibisce come tenore, ma vale la pena ricordare che prima dell’inizio dell’opera cantata professionale ero precedentemente uno strumentista attivo. Come fisarmonicista ho suonato con successo in molti concerti. dai tempi degli studenti ho iniziato a cantare lirica classica e ho trascurato un po’ la fisarmonica. Mi esibisco anche come direttore d’orchestra sul palco, quasi 10 anni fa ho creato l’orchestra dell’arciduca Maria Krystyna Habsburg. Per molti anni ho collaborato con varie stazioni televisive polacche dove ho ospitato programmi musicali. Sono l’organizzatore di numerosi festival musicali. Gestisco anche concerti e spettacoli musicali. si, penso di poter dire di essere un artista versatile.


Cosa significa dirigere un’orchestra?
Significa aggiungere suono all’intera band, realizzare le idee e la musica della tua visione per una determinata canzone che il direttore suona con l’orchestra. I musicisti dell’orchestra non hanno bisogno di un direttore per leggere correttamente le parti dello strumento. il musicista orchestrale non ha bisogno di un direttore per suonare correttamente uno strumento, istruirlo o segnalare errori tecnici. Il direttore di ogni musicista d’orchestra dovrebbe essere fonte di ispirazione ed energia per creare un bellissimo suono dell’intero strumento, che è un’orchestra sinfonica. Se il direttore è saggio, attinge alle conoscenze e alle abilità dei musicisti dell’orchestra. Lascio spesso molto spazio alle capacità dei singoli musicisti di orchestra con cui lavoro. Sto cercando di dirigere una canzone, ma non sto imponendo il 100 percento delle mie “ragioni”.
Secondo me, questa è la direzione dell’orchestra e della cooperazione.

Quando hai trovato la tua voce come regalo?
In effetti, canto da quando avevo cinque anni. Come solista, ho cantato in vari concerti. Ho iniziato a suonare la fisarmonica dall’età di 8 anni e sono stato più strumentista praticamente per tutti gli anni scolastici. Tuttavia, per tutto questo tempo mi sono esibito sul palco come solista di varie band amatoriali. Fu solo quando decisi di studiare musica che decisi di fare il canto lirico professionale. E da quel momento il mondo dell’opera si è aperto per me. Già come matricola dell’Accademia di musica, ho cantato il mio primo recital d’opera a Budapest in occasione della mostra commemorativa per il centenario del grande tenore polacco Jan Kiepura. E così è iniziata la mia avventura chiamata Opera


Quanto è importante il lavoro sulla tecnica professional natural talent?
Prima di tutto, quando lavori per trasformare i talenti naturali in professioni, hai bisogno di molta forza di volontà e coerenza. Una bella voce non ti renderà un artista professionista. Per questo hai bisogno di molto lavoro, centinaia o addirittura migliaia di ore dedicate a lavorare con te stesso. Cerca il tuo posto nella candela e lavora con stile con il tuo repertorio. Imparare a cantare è una lotta costante con i tuoi punti deboli, spesso con scoraggiamento. È importante avere un buon insegnante e una guida spirituale nel mondo del lavoro con te. Ho incontrato persone amichevoli che mi hanno supportato in periodi di debolezza. Lavorare sulla tecnica vocale non è solo ore di canto di esercizi vocali, ma anche pensare all’estetica del canto. Questo vale anche per la selezione del partito d’opera. Quando si sceglie, non ci affidiamo solo alla scala del voce, che coincide con la scala del lavoro. Dovrebbero essere considerati anche il colore della voce e la capacità di caratterizzazione caratterologica. Devi solo sentirti “in la pelle” di un certo personaggio.

Mi racconti un aneddoto che ricordi con il sorriso, relativo alla tua carriera?
Una delle situazioni divertenti è stata l’evento legato al concerto giubilare del coro con cui ho collaborato durante i miei studi. come ospite sono stato invitato a partecipare a questo concerto. Ho cantato due arie e sono sceso dal palco al guardaroba, che era abbastanza lontano dal palco. Ho dimenticato che dovevo esibirmi “Com’e gentil” della opera “Don Pasquale” di G. Donizetti. Sentendo che l’orchestra sta iniziando a suonare l’introduzione della canzone, ho “sparato” fuori dal guardaroba. Correndo lungo il corridoio che porta al palco, sento che l’orchestra sta ancora suonando l’ingresso. Direttore che si fidava che il solista sarebbe finalmente apparso sul palcoche ordinò all’orchestra di suonare tutto il tempo. Ad un certo punto corsi sul palco e come se nulla fosse accaduto, con un sorriso e una mancanza di respiro iniziai il mio “Com’e gentil” .

Ringraziando Sylwester Targosz-Szalonek per l’attenzione prestataci, proponiamo ai nostri lettori una delle sue esibizioni.
https://www.youtube.com/watch?v=Da2W4M1Y7GA