I CARABINIERI DEL NUCLEO RADIOMOBILE DI MILANO, A TITOLO PERSONALE, SONO TORNATI AD AIUTARE L’ASSOCIAZIONE CAF.

0
178

QUESTA VOLTA I BENEFICIARI DELLA LORO GENEROSITA’ SONO
 
LE MAMME DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE DOMICILIARE “DIVENTARE GENITORI”:
PROGETTO CHE L’ASSOCIAZIONE CAF HA ATTIVATO NEL 2008,
PER AIUTARE FUTURE E NEO MAMME FRAGILI.

L’iniziativa spontanea che il nucleo Radiomobile Carabinieri di Milano ha messo in atto, a metà aprile, per aiutare concretamente i più bisognosi, con un’attenzione particolare anche ai minori più disagiati che li ha portati a bussare più volte alla porta dell’Associazione CAF, sta proseguendo a titolo personale.

Questa volta i carabinieri, tolta la divisa, si sono presentati presso la sede delle Comunità Residenziali di Via Orlando come semplici volontari,portando numerosi pacchi spesa da donare alle famiglie prese in carico dal Servizio di prevenzione domiciliare “Diventare Genitori attraverso l’Home Visiting”: attività che l’Associazione CAF ha avviato nel 2008 per aiutare future e neomamme fragili presso il loro domicilio. Il Servizio di sostegno psico-pedagogico per le famiglie è totalmente gratuito.

“Siamo davvero riconoscenti a queste straordinarie persone – dichiara Gabriella Fabietti, operatrice del Servizio Diventare Genitori.  Gli amici Carabinieri del nucleo Radiomobile di Milano si sono fatti promotori di questo nuovo gesto di solidarietà a titolo totalmente personale, raccogliendo donazioni monetarie tra amici e colleghi.
Preventivamente informati da noi operatrici sulla composizione dei nuclei famigliari, hanno voluto provvedere personalmente alla composizione dei pacchi personalizzati per ogni famiglia segnalata. Un’organizzazione e uno spirito davvero ammirabili!”


Insieme ai pacchi spesa, le operatrici dell’Associazione CAF hanno voluto inviare alle famiglie anche dei “kit creativi” contenenti cartoncini colorati, tempere, pastelli, pasta modellabile e altri materiali di riciclo accompagnati da semplici istruzioni per l’uso.

Questo è un tempo difficile – prosegue Gabriella Fabietti – ma può essere un tempo di vicinanza che ha senso immaginare anche attraverso esperienze ludiche. Le mamme e i papà possono diventare i migliori compagni di giochi e di avventure, perché ritagliare, incollare, colorare e impastare non sono mai solo giochi per i bambini.”

Le famiglie, dislocate in vari punti del territorio, hanno accolto i doni distribuiti dalle operatrici presso ciascun domicilio con sorpresa e grande riconoscenza.

“Oggi più che mai – conclude Gabriella Fabietti – non essere lasciati soli è molto importante. Questo da maggior senso ad ogni piccolo gesto di ciascuno di noi. I saluti delle mamme, seppur brevi e a distanza di sicurezza, sono stati carichi di grande emozione. Un’emozione che ci portiamo dentro e che motiva ogni giorno il nostro lavoro”.

La prima volta che l’Arma dei Carabinieri si è presentata presso le Comunità Residenziali che l’Associazione CAF gestisce a Milano, ha subito percepito le enormi difficoltà che l’organizzazione nonprofit milanese sta affrontando in questo momento di emergenza: la necessità di potenziare notevolmente il presidio educativo dei minori presenti in Comunità h24, di raddoppiare il numero di pasti giornalieri per minori ed operatori in struttura, e di intensificare le attività di igienizzazione dei luoghi in cui i bambini e i ragazzi vivono. Senza contare le difficoltà connesse alla crisi economica per la quale solo nel primo semestre di quest’anno l’Associazione CAF stima una perdita sulle entrate da raccolta fondi pari al 70%. Un quadro complesso e preoccupante che i Carabinieri hanno immediatamente colto e rispetto al quale hanno voluto subito attivarsi in ogni modo possibile.

L’Associazione CAF https://www.caf-onlus.org/ è una Onlus che dal 1979 accoglie e cura in maniera specifica e professionale bambini e ragazzi allontanati dal proprio nucleo familiare a causa di abusi e gravi maltrattamenti, con l’obiettivo di spezzare la catena che troppo spesso trasforma i minori vittime di violenza in adulti violenti o trascuranti. Nel tempo, accanto al lavoro con i minori e in risposta ai bisogni del territorio, l’Associazione ha sviluppato anche servizi specifici di prevenzione dell’abuso e del maltrattamento infantile e interventi di supporto alle famiglie dei minori accolti e alle famiglie affidatarie.

Dalla sua fondazione ad oggi, l’Associazione CAF ha accolto e curato oltre 1000 minori e offerto un importante sostegno a tante famiglie in crisi.  

www.associazionecaf.org 

Associazione CAF Onlus Ufficio stampa 
Anna Alemani: anna.alemani@cafonlus.org – M.338 3075244 
Flavia Cozzi: flavia.cozzi@cafonlus.org – M.338 7946410 

#AssociazioneCAFnonsipuofermare

Per dare un aiuto concreto per superare questa emergenza clicca qui

SHARE
Previous articleDislessia. Intervista a Linda Manzoni, logopedista e responsabile centro polifunzione “Parole e Psiche” di Ronco Briantino.
Next articleMilano, senza fissa dimora: riapre il servizio docce del diurno Drop-in.
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”