STARE INSIEME FA BENE GIORNATA DEDICATA ALLA SOLIDARIETA’ E ALL’ACCOGLIENZA ORGANIZZATA DA CASAMICA.

0
66

Appuntamento sabato 1° febbraio a Milano presso la Società Umanitaria. Iniziativa promossa da CasAmica Onlus. Tra gli ospiti speciali la tennista Francesca Schiavone.

Sabato 1° febbraio, presso la Società Umanitaria di Milano, un’intera giornata dedicata ai temi dell’accoglienza e del prendersi cura, attraverso una tavola rotonda, spettacoli, laboratori e musica per grandi e piccini, organizzata da CasAmica Onlus e sostenuta da Fondazione Roche, fortemente impegnata nell’occuparsi dei bisogni di prevenzione, diagnosi, cura ed assistenza dei pazienti e delle loro famiglie lavorando con le Istituzioni per superare le possibili limitazioni dei diritti del cittadino. L’iniziativa è sostenuta anche da Fondazione Antonio Carlo Monzino e Società Umanitaria, e gode, inoltre, del Patrocinio del Consiglio della Regione Lombardia e del Comune di Milano.

L’appuntamento, in occasione dell’imminente Giornata del Malato (11 febbraio), vuol essere un momento di sensibilizzazione e riflessione sull’umanizzazione della cura e l’importanza dell’accoglienza, attività che da oltre 30 anni, l’Associazione CasAmica Onlus porta avanti per sostenere i malati costretti a spostarsi lontano dalla propria città per ricevere le cure necessarie.

La mattinata, a partire dalle 11.00, è dedicata alla tavola rotonda “Il coraggio di essere umani. La qualità della vita durante la malattia” che coinvolgerà figure istituzionali e specialisti del settore che si confronteranno sul tema della qualità della vita durante la malattia e nel percorso di cura. Parteciperà alla Tavola Rotonda anche la tennista Francesca Schiavone per raccontare la sua personale esperienza.

Il pomeriggio è, invece, all’insegna dell’intrattenimento: i cardini della giornata, accoglienza e solidarietà, saranno veicolati, dalle ore 15.00, attraverso laboratori ludico-ricreativi dedicati a bambini e famiglie tra musica, pittura, magia e spettacolo. La giornata si concluderà, infine, con il concerto dei “Solisti di Milano Classica”, dalle 18.00, che allieteranno la serata con le musiche di Mozart, Haendei e Bach.

L’evento è aperto a tutti, per info e prenotazioni: www.casamica.it

Sabato 1° febbraio

Società Umanitaria, in via San Barnaba 48 – Milano

PROGRAMMA

11.00 – 12.30 Tavola Rotonda

12.30 – 13.00 Concerto D’Arpa di Luisa Prandina

15.00 – 17.30 Laboratori creativi

“Laboratorio di magia”

“Dall’armonia del legno al suono”

“Pittura e collage”

16.30 – 17. 30 Spettacolo teatrale NEAM e il segreto dell’Armonia

18.00-19:00 Concerto dei Solisti di Milano Classica

Programma dettagliato su: www.casamica.it

Per ulteriori info: eventi@casamica.it – 02/49797240

Ufficio Stampa CasAmica: Atlantis Company 02.367529.62

Alessia De Rubeis: 334.9610869 – alessia.derubeis@atlantiscompany.it

Maria Chiara Zilli: 375.5637748 – mariachiara.zilli@atlantiscompany.it

Marta Seu: 392.3227952 – marta.seu@atlantiscompany.it

SHARE
Previous articleClara Sàncez. La forza imprevedibile delle parole.
Next articleL’attrazione per la violenza nella società contemporanea.
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”