MILANO MARATHON 2020: DIVENTA RUNNER PER BENE!

0
115

CORRI CON L’ASSOCIAZIONE CAF E CONTRIBUISCI CONCRETAMENTE AL PROGETTO DI ACCOGLIENZA E CURA RIVOLTO A MINORI
VITTIME DI ABUSI E GRAVI MALTRATTAMENTI.


Anche quest’anno “Associazione CAF”, da oltre quarant’anni attiva sul territorio milanese, aderisce come Platinum Charity Partner alla Milano Marathon in programma per domenica 5 aprile 2020.

La normalità che fa bene ai bambini è il titolo del progetto del 2020 con il quale l’Associazione raccoglie i fondi per garantire ai bambini delle sue Comunità 3-12 anni, ciò che una normale famiglia offrirebbe al proprio figlio, integrandolo con opportuni interventi psico-educativi e di cura del trauma.

L’obiettivo che ci siamo dati quest’anno – afferma Luisa Pavia AD Associazione CAF – è quello di raccogliere i fondi necessari a coprire le spese che l’Associazione sostiene ogni anno per far vivere la normalità a bambini che non l’hanno mai vissuta. Consulti medico-specialisti quando necessari, vacanze e tempo libero nei momenti in cui non c’è scuola, ma anche abbigliamento adatto ad ogni stagione, uno zaino per andare a scuola e i prodotti necessari per l’igiene quotidiana. Tutto ciò ha un costo annuale davvero molto importante per l’Associazione, ma è irrinunciabile per chi come Noi ha a cuore il benessere di questi bambini e ragazzi che hanno molto sofferto.”

Iscrivere almeno 700 runner e raccogliere 27.000a sostegno del progetto “La normalità che fa bene ai bambini” è dunque l’ambizioso obiettivo che l’Associazione CAF vorrebbe raggiungere.


CONTRIBUISCI ANCHE TU ALLA REALIZZAZIONE DI QUESTO PROGETTO SOLIDALE!

Per partecipare in staffetta, la donazione minima è di 50 euro a persona. Con l’iscrizione riceverai in regalo la maglietta tecnica personalizzata dell’Associazione CAF e potrai godere delle facilitazioni offerte al punto di incontro e ristoro a fine gara.

SCONTO UNDER 20: per promuovere la partecipazione dei più giovani abbiamo previsto una quota di 40 euro a persona riservata ai ragazzi di età compresa tra i 16 e i 20 anni.


PER INFO: Corri per Bene la Milano Marathon 2020

L’ASSOCIAZIONE CAF è una Onlus che dal 1979 accoglie e cura in maniera specifica e professionale bambini e ragazzi allontanati dal proprio nucleo familiare a causa di abusi e gravi maltrattamenti, con l’obiettivo di spezzare la catena che troppo spesso trasforma i minori vittime di violenza in adulti violenti o trascuranti. Nel tempo, accanto al lavoro con i minori e in risposta ai bisogni del territorio, l’Associazione ha sviluppato anche servizi specifici di prevenzione dell’abuso e del maltrattamento infantile e interventi di supporto alle famiglie dei minori accolti e alle famiglie affidatarie.

Dalla sua fondazione ad oggi, l’Associazione CAF ha accolto e curato oltre 1000 minori e offerto un importante sostegno a tante famiglie in crisi.  www.caf-onlus.org

Associazione CAF Onlus Ufficio stampa
Anna Alemani: anna.alemani@cafonlus.org – M.338 3075244
Flavia Cozzi: flavia.cozzi@cafonlus.org – M.338 7946410

SHARE
Previous articleKIMAP Mappatura Collettiva dell’accessibilità delle strade.
Next articleAMORI NON CORRISPOSTI
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”