AdAstra Project per dare spazio al futuro dei giovani.

0
115

AdAstra Project – Spazio al tuo futuro è un progetto pilota di formazione-lavoro rivolto a giovani in condizioni di svantaggio e di fragilità personale ed economica.

  • Comprende percorsi di alta formazione e tirocini professionali, finalizzati all’inserimento lavorativo dei giovani nel settore food and beverage
  • Esempio virtuoso di collaborazione tra realtà profit e non profit, coniuga la responsabilità sociale d’impresa con l’innovazione sociale;
  • Esperienza aperta e replicabile a nuove collaborazioni, grazie alla costituzione del Fondo AdAstra Project in Fondazione di Comunità Milano.

Il progetto sperimentale è sostenuto da Fondazione di Comunità Milano insieme a tre grandi realtà del Made in Italy: Campari Group, Eataly, Lavazza.
Si rivolge a ragazzi e ragazze, tra i 18 e i 24 anni, residenti nella città metropolitana di Milano fortemente motivati ad affrontare un’esperienza sfidante, con la volontà di mettersi in gioco per entrare nel mercato del lavoro.
A&I Società Cooperativa Sociale ONLUS, ente accreditato in Regione Lombardia per la formazione e i servizi al lavoro, accompagnerà tutte le fasi del percorso e affiancherà giovani con case manager dedicati. Dopo il recruiting, tra oltre 100 candidature, e gli assessment individuali e di gruppo, A&I ha selezionato trenta giovani che hanno dimostrato interesse e motivazione a partecipare a questo impegnativo percorso formativo.
Questo gruppo target seguirà un primo modulo formativo di soft skill, che consentirà di individuare i venti giovani da indirizzare ai percorsi personalizzati presso le aziende. In relazione alle attitudini dimostrate, i ragazzi, suddivisi in gruppi, seguiranno:

percorso food and beverage:

  • corso di formazione di 140 ore bar/caffetteria e bartending presso l’academy Campari a Sesto San Giovanni e l’academy Lavazza a Settimo Torinese; training di 110 ore presso Eataly Smeraldo a Milano;

percorso Mestieri:

Il percorso formativo proseguirà con un tirocinio di 4 mesi presso aziende profit o non profit, l’area ristorazione Eataly Smeraldo, le filiere commerciali dei partner o segnalate dai partner, la rete delle cooperative sociali; si conclude con inserimento lavorativo in aziende profit o non profit. La durata è di un anno, termine previsto a fine novembre 2020.

AdAstra Project non risolve il problema della disoccupazione giovanile, tuttavia rappresenta un’esperienza concreta che avvicina giovani fragili al mondo delle professioni – proprio nei settori dove serve personale qualificato – in modo consapevole e preparato.

Il progetto sarà monitorato in tutte le sue fasi, se la sperimentazione otterrà i risultati attesi, potrà essere estesa ad altre imprese e ad altri settori, replicando un modello di collaborazione che, in questo caso, è stato favorito e accompagnato dallo Studio Biscozzi Nobili Piazza.

AdAstra project rappresenta un esempio virtuoso di collaborazione tra profit e non profit che unisce la responsabilità sociale d’impresa con l’innovazione sociale che contribuisce a dare risposte concrete e superare disagio e marginalità.

Il progetto è aperto a futuri sviluppi, per questo la Fondazione di Comunità ha aperto il Fondo solidale AdAstra per raccogliere risorse ed energie di imprese e privati che condividono la necessità di offrire prospettive di qualità a giovani svantaggiati e vogliono sostenere la Fondazione a sviluppare questa esperienza.

Non a caso il nome AdAstra Project, fa riferimento al motto latino per aspera ad astra, per comunicare la volontà di supportare i giovani fragili a superare le difficoltà, a ritrovare la fiducia in sé stessi ed imboccare la propria strada nel mondo.

“AdAstra Project è un progetto sfidante, innovativo e di grande valore sociale, perché sappiamo quanto sia difficile motivare questi ragazzi e aiutarli a trovare la fiducia in sé stessi. Siamo grati a Campari Group, Eataly e Lavazza, grandi realtà imprenditoriali, per avere condiviso con noi l’importanza di offrire un percorso altamente professionalizzante, che apre possibilità concrete e qualificate di inserimento nel mondo del lavoro – ha sottolineato Giovanni Azzone, Presidente della Fondazione di Comunità Milano – crediamo che tutti debbano avere le giuste opportunità per superare le difficoltà e migliorare il proprio progetto di vita. Ci auguriamo che l’esperienza possa crescere coinvolgendo altre imprese e privati, per raccogliere le risorse necessarie abbiamo costituito il Fondo solidale AdAstra”

“AdAstra Project rappresenta il contesto ideale in cui Campari Group, attraverso Campari Academy, scuola di eccellenza per l’insegnamento dell’arte del bartending e del bar management, ha la possibilità di contribuire concretamente alla promozione dell’educazione professionale estendendo importanti opportunità anche a giovani meno avvantaggiati in un territorio, Milano, a cui siamo profondamente legati perché rappresenta la nostra storia e le nostre origini. Coerentemente con i nostri valori di Gruppo, AdAstra Project rientra perfettamente nella tipologia di progetti che siamo felici e orgogliosi di sostenere in quanto l’area dell’educazione in generale ispira già molte delle nostre attività di coinvolgimento delle comunità con cui entriamo in contatto in Italia e nel mondo” ha aggiunto Aldo Davoli, Global Public Affairs & Sustainability Sr. Director di Campari Group.

“Eataly nasce da persone che hanno saputo trasformare la passione, in un mestiere, per poter dedicare la parte centrale della giornata alla continua ricerca e produzione di prodotti alimentari di alta qualità – spiega Caterina Colozzi, HR Operations EatalyLa felicità, infatti, non può prescindere dal piacere per il mestiere che si fa. Da diversi anni lavoriamo con i giovani promuovendo la scelta del mestiere e non, genericamente, la ricerca di un lavoro. Imparare un mestiere, che sia pizzaiolo, barista, panettiere o macellaio, ed avere piacere nel farlo: elementi centrali nel miglioramento della qualità della vita. Avere un mestiere, meglio ancora se amato, significa avere la possibilità di costruire il proprio futuro nel modo migliore. Per questo abbiamo aderito con grande entusiasmo al progetto AdAstra.”

“Inclusione, integrazione, territorio, storie di vita, competenze e formazione sono molti degli elementi caratterizzanti le attività di community engagement di Lavazza. Ad Astra Project rappresenta la possibilità di mettere a disposizione dei ragazzi che prendono parte al progetto l’expertise di oltre 120 anni nel caffè di Lavazza, attraverso il Training Center, una vera e propria università del caffè con oltre 50 sedi nel mondo, dove si formano ogni anno oltre 30mila persone su tutti gli aspetti legati al nostro prodotto. Queste attività sono anche un ideale proseguimento di quanto realizzato a Torino con il Progetto A.A.A. – Accoglie Accompagna, Avvicina, esempio di come sia possibile un’interazione virtuosa tra il territorio e i soggetti che lo vivono, conciliando le competenze dei singoli e delle imprese con il tessuto sociale e produttivo in cui operano” dichiara Mario Cerutti, Chief Institutional Relations & Sustainability Officer di Lavazza.

Ad Astra Project è la dimostrazione della possibilità e virtuosità della collaborazione tra soggetti, che indipendentemente dalla loro natura (profit, non profit, fondazioni) avvertono l’importanza e l’urgenza di azioni socialmente responsabili – ha detto Luigi Pizzuti, Presidente di A&I – una società impari e disuguale, oltre che ingiusta, è sfavorevole anche per l’iniziativa imprenditoriale. Sostenere progetti come AdAstra è missione naturale per la cooperativa A&I e la Fondazione di Comunità, per le aziende partner è capacità di visione e espressione di intelligenza sociale”

Aver potuto presenziare al processo organizzativo dell’intero progetto ci rende particolarmente orgogliosi – ha sottolineato Marco Abramo Lanza, Studio Biscozzi Nobili Piazzae auspichiamo che iniziative di questo genere possano essere intraprese anche da altre realtà aziendali.”

Contatti stampa

Fondazione di Comunità Milano – Gabriella Gemo 335 5758829 g.gemo@fcmilano.org

Campari Group – Enrico Bocedi 346 5005458 enrico.bocedi@campari.com; Maria Scuto 342 9931854 maria.scuto@campari.com

Eataly – Simona Milvo 348 35251569 s.milvo@eataly.it

Lavazza – Massimo Borraccetti 345 6789452 massimo.borraccetti@lavazza.com A&I – Claudio Cazzanelli 389 1804136 caludio.cazzanelli@aei.coop

SHARE
Previous articleDove abita il bello?
Next articleMiwa Komatsu in abito Dior si aggiudica la 48esima edizione del premio “Best Dresser Award” nella sezione culturale.
Ganzetti Raffaella
Sono nata a Milano ormai molti anni fa e nella mia faticosa vita ho effettuato tante esperienze sia umane che professionali. Ho avuto inizialmente esperienze con bambini anche se il mio interesse si è sempre rivolto alla fascia adolescenziale o giovane adulti. Ho avuto la fortuna di lavorare per tanti anni con persone con disabilità sia grave che lieve che ai limiti inferiori di norma, occupandomi dell’aspetto educativo e successivamente terapeutico. L’esperienza mi ha portato a ideare modelli d’intervento sempre maggiormente centrati sulla persona che è l’unico protagonista della sua vita anche in caso di disabilità. Nelle diverse formazioni che ho effettuato a genitori e a personale che si occupa di sociale ho sempre cercato di far comprendere l’importanza dell’ascolto empatico, del contenimento emozionale elementi che nel tempo sono diventati la base del mio metodo. Già Direttore Responsabile di un altro giornale on line la cui redazione era formata da persone con disabilità ora mi accingo a portare avanti un nuovo progetto “Milano più Sociale”