domenica, Aprile 21, 2024
HomeEditorialeLettera al Direttore“UNA GIORNATA CON FRANCESCA”.

“UNA GIORNATA CON FRANCESCA”.

Francesca Uggeri è per noi, del centro Belotti Pensa, un riferimento e la redazione, in occasione della sua venuta qualche settimana fa, ha voluto farle una sorpresa proponendole una intervista.

L’inizio è stato un po’ imbarazzante ma dopo poco abbiamo iniziato a farle domande sia riguardanti la sua vita lavorativa che personale. Abbiamo anche fatto delle richieste che ci premevano, essendo lei il coordinatore responsabile dell’Area Nord-Ovest di Cooperativa Sociale Società Dolce, come la possibilità di prolungare l’orario di apertura del centro, organizzare proposte nei week–end, soggiorni estivi maggiormente lunghi e la possibilità di trovare una occupazione.

L’idea è stata da subito abbracciata da Francesca che si è detta concorde con quanto da noi espresso sottolineando che tutto il lavoro che è stato fatto con i servizi territoriali ha favorito la conoscenza della nostra realtà proponendo momenti maggiormente inclusivi, che continueranno ad aumentare nel futuro.

Ci ha poi raccontato della sua vita professionale, della passione per il suo lavoro e l’entusiasmo di far parte di un team come Cooperativa Sociale Società Dolce, che vive come seconda famiglia dal 1999.

Ci descrive lo splendido lavoro di squadra e i colleghi che sente più vicini, facendo l’esempio di Paolo Vaccaro, suo responsabile, il quale rappresenta per lei un porto sicuro quando le strade diventano faticose e sconnesse.

In un clima disteso, sereno e piacevole abbiamo trovato il coraggio per porle domande personali dinanzi alle quali Francesca ha risposto talvolta emozionandosi, quando, ad esempio, ha parlato del suo amato papà, con il quale ha sempre avuto un rapporto conflittuale di odio e amore e che purtroppo è mancato prematuramente e quando ha descritto il suo primo amore adolescenziale.

Racconta di un’infanzia serena, di giochi per strada con le amiche, di passioni come il ballo, in particolare il latino, di passeggiate in bicicletta e viaggi che ama fare nel tempo libero con la sua famiglia, alla quale è molto legata. Ci descrive l’importante legame con il fratello Michele, maggiore di lei di qualche anno, con la figlia Chiara, <<la gioia più grande>>, con la sua famiglia allargata.

Francesca si definisce “coccolosa” come un panda e normativa al bisogno. Si descrive autorevole con la figlia, ma anche attenta e accogliente; gelosa con il compagno, soprattutto all’inizio della loro storia e con lui condivide la passione delle lunghe passeggiate in montagna.

Quando parla della sua mamma, che definisce “pimpante 84enne”, si emoziona facendo trapelare occhi lucidi.

Tra i suoi hobby ci sono la lettura, vedere film romantici, visitare le grandi capitali europee.

Francesca si definisce una persona socievole, che ama stare in buona compagnia, condividendo con gli amici cene e serate.

A noi rimane solo di ringraziarla perché ci ha lasciato il ricordo di un momento “speciale” con una persona empatica, solare, spiritosa, ironica, accogliente, dolce, una persona con la quale è piacevole dialogare e che abbiamo fatto fatica a salutare, strappandole, però, la promessa che ci saremmo rivisti presto per condividere insieme un altro momento tutto da raccontare. 

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments