DIEGO GAMBINI

0
617

Parliamo ancora di Diego Gambini, classe 1986 grafico pubblicitario, pittore e poeta. un artista ancora poco conosciuto di cui abbiamo avuto il piacere di parlarne: “inserito in  “Enciclopedia dei poeti italiani contemporanei”  edito Aletti, la sua raccolta “Linee Nude” è  poesia in forma di prosa;  fogli bianchi che attimo dopo attimo assumono il colore dell’introspezione, attraverso lo sfogo di un cuore in tumulto”

Ecco un nuovo lavoro unitamente a due opere d’arte!

Siamo un falò.
Siamo tutti un grande falò.
Tendiamo a bruciare
troppo velocemente
la nostra persona,
la nostra personalità,
perché ci crediamo nel torto;
ma siamo più veri di quanto riusciamo a immaginare.
Siamo veri nei nostri errori,
nei nostri sbagli,
nei nostri sbadigli,
nelle nostre noie,
quando coltiviamo idee,
anche strane e distorte.
Non dimentichiamoci che i semi di follia
devono continuare ad essere seminati.

Quanto sto guardando in me?

Benedette siano le chiacchierate serali,
quando nelle vie non senti più passare nessuno, la musica finisce, si chiudono le finestre, chi dorme e chi no, ed il mare nel frattempo, nell’oscurità, continua a vivere, come la brezza, si baciano in quelle ombre,
e, a volte, si può sentire anche loro che parlano e si confrontano su quello che vedono e percepiscono di noi.

Siamo così nudi e spogli,
aspettiamo che sorga l’alba,
e nel frattempo anche nelle notti teniamo accese ogni sensazione,
guardiamo i gatti randagi passare nelle strade, continuiamo a discorrere,
parliamo tra di noi
parliamo con la notte.
Siamo grandi specchi d’anima.
Siamo i falò dei nostri istinti.
Siamo dei grandi falò.
Lo siamo.