280 GRAZIE

0
529

Nella malattia mentale e’ importante non essere giudicati e salvati per i propri valori….Io devo molto all’amicizia, Danila, Elena, Livia, Maria Carla.

Quando ho avuto la casa Maria Carla mi ha regalato un paio di specchi del settecento, due stampe antiche dell’ottocento e tre papiri egiziani molto belli e anche la cornice.

Ho scoperto il valore dell’amicizia! Le mie amiche delle elementari mi portano da mangiare e le sigarette, non vogliono che finisca di nuovo in reparto psichiatrico.

L’amicizia aiuta tantissimo e piano piano recuperi quello chi eri. Anche Camilla mi ha dato un libro sui blogger….

Sono stata salvata dall’affetto, Susanna mi ha dato la pelliccia e i rotolini di filo per cucire e mi ha dato lavoro. Marco mi porta sempre il banco alimentare, io con € 280 non potrei farcela a fare la spesa tutto il mese. Vincenzo mi ha dato i cd, Chiara e Bobo un frigo e la mensola per la cucina….Marco il forno e Massimo la lavastoviglie. Susanna un lettore cd e anche un Gesu’ Bambino e Livia un cappotto.

Ero barbona ma le mie amiche mi hanno sempre fatto mangiare al ristorante giapponese… Mangiamo io e Livia tanto sushi. L’amicizia ha supplito alla mancanza di lavoro, mi davano una dignita’ in comunita’ mi portavano il succo di frutta e anche i biscotti.

La solidarieta’ e l’accettazione che fossi stata male purtroppo nessuno la capiva o meglio molti non la capivano.

Piano ho recuperato Purtroppo dal deposito dei mobili che avevo a Roma hanno rubato completamente tutto anche le fotografie dei miei genitori, anche le camice da notte, avevo 2000 cd, adesso ne ho 200 una differenza.

La vita distrutta a 54 anni!

SHARE
Previous articleCounseling in Hospice: Aiutare chi aiuta
Next articleEVENTO ARTISTICO: PITTURANDO
ANNA LUCHETTA
Ho 54 la vita si è fermata nel 2005 ho sempre fatto televisione gli ultimi lavori rainews e raieducational poi lebpulzie ai carabinieri nelle caserme della Casilina e della Nomentana e poi operaia alla rqbx Xerox da un anno salvata da Susanna barbaglia con Confidenze e Stefano Lampertico Scarp de Tennis.