EVENTI A MILANO PER IL CARNEVALE 2017

0
659

Il Carnevale Ambrosiano, quest’anno, si festeggerà da martedì 28 febbraio a sabato 4 marzo. Le origini del Carnevale Ambrosiano sono molto antiche e sembra risalgano all’epoca  in cui Sant’Ambrogio chiese alla popolazione di ritardare la festa in attesa del suo ritorno, anche se vi sono altre versioni e leggende.

Sono previsti a Milano nei tre giorni di festa, diversi eventi che culminano sabato 4 marzo con sfilate e manifestazioni.

In piazza Duomo potrete assistere al corteo con sfilate di maschere e costumi tradizionali, come Meneghino e Cecca oltre ai vari Arlecchino, Pulcinella e Pantolone.

Il tema scelto per quest’anno è “Orotour”, per cui tutti i carri impegnati e i costumi che passeggeranno per le strade della città saranno ispirati ai viaggi, in omaggio all’Onu che ha indicato il 2017 come “Anno del Turismo Sostenibile”.

In corso Vittorio Emanuele potrete trovare danzatori, mimi, artisti di strada e tante altre iniziative.

Inoltre a Porta Venezia nei pressi dei Giardini Indo Montanelli dal 28 febbraio al 5 marzo saranno allestiti per i più piccoli laboratori e feste in maschera, così come al Parco Sempione potrete trovare il Luna park di Carneval che rimarrà attivo fino al 12 marzo.

Inoltre all’interno dell’antico Museo Egizio di Milano situato dentro al Castello Sforzesco, in occasione del Carnevale si potrà giocare a Guardie e Ladri. E’un evento dedicato alle famiglie con bambini, e cioè una vera e propria sfida tra mamme e papà da un lato e piccoli dall’altra, che vestiranno rispettivamente i panni delle guardie e dei ladri. Ci saranno giochi di ruolo e prove di abilità.

Martedì 28 febbraio, dalle 16.30, nel quartiere Gambara caccia al tesoro per bambini fino a 10 anni con indovinelli e premi (punto di incontro presso il parcheggio del Carrefour in Piazzale Siena 5). Per tutto il quartiere saranno predisposti punti di intrattenimento per bambini e adulti con truccabimbi, musica dal vivo, libri, giochi, e merenda per i più piccoli.

Sabato 4 marzo,  dalle 16 alle 18,  Superparty di Carnevale da Weplaylab Fun Care & Music (Via L. Pirandello 4/a), con sfilata delle maschere e premiazione del costume più originale, giochi e scherzi, baby dance con sorpresa.

Sabato 4 marzo Masquerade Party anche al Le Banque e party di Carnevale anche al Karma Borgo Milano con musica e show dalle 21 con ristorante. Al Pelledoca party in maschera, con cena dalle 20.30, mentre da mezzanotte si balla con la dj selection di Dj PeterK, Dj Ricky Espino e Giancarlo Romano Voice.

Si festeggia anche da BASE Milano con Masquerada, un carnevale dell’assurdo negli spazi dell’ex Ansaldo con gli allestimenti scenografici de “Le Grottesche”. Sabato 4 marzo, a partire dalle ore 21.30, lo spazio si animerà con creature freak ai limiti del reale. Dopo l’ingresso in un’enorme camera oscura, gli ospiti sono invitati ad esibire la propria maschera sfilando su un tappeto rosso: il dress code richiesto è il paradosso. Ad alternarsi poi per tutta la notte ci saranno dj e live set stravaganti.

Questi sono alcuni eventi ma tutta la città vestirà la trasformazione del Carnevale. Quello che mi auguro che nessuno utilizzi questo momento di festa per utilizzare giochi pericolosi e dannosi sia ai piccoli che agli adulti.

A CARNEVALE OGNI SCHERZO VALE MA     SEMPRE NEL                                                                             RISPETTO DEGLI ALTRI!

CHE SIA UN BUON CARNEVALE PER TUTTI

SHARE
Previous articleIn viaggio per il mio settantottesimo compleanno
Next articleCARNEVALE E’ FESTA
Marinoni Alessandro
Non mi sento un artista, come a volte mi definiscono, ma un artigiano del fare, autodidatta, perché costretto ad effettuare studi che mi hanno temporaneamente allontanato dall'arte. Amo da sempre gli animali e la natura. Alcuni dicono che l’arte ci “giunge”, che è un dono, così come, forse, la capacità di ascolto e di mettersi in relazione con persone che nella nostra attuale società hanno difficoltà ad integrarsi e sopravvivere. Io mi colloco li, con le mie mani aperte, il mio sentire, il mio poco sapere, in una relazione d’aiuto che non è mai unilaterale verso qualunque forma di vita.