I DELFINI E LA DELFINOTERAPIA

0
1695

I delfini, pur essendo animali adatti alla vita acquatica, non sono pesci ma cetacei. I cetacei sono mammiferi che si sono evoluti partendo da un antenato terrestre. Si spostarono dalla terra al mare in un periodo compreso fra 55 e 34 milioni di anni fa.

Hanno perso quasi tutte le tracce del loro passato terrestre. Il corpo ha assunto una forma idrodinamica e il pelo è scomparso per diminuire l’attrito con l’acqua. I loro organi genitali si sono posizionati all’interno del corpo. Essendo mammiferi, partoriscono i loro piccoli e li allattano.

Hanno un ruolo importante nell’equilibrio dell’ecosistema terrestre, ma purtroppo sono minacciati di estinzione.

Una leggenda narra che Icadio, figlio di Apollo e della ninfa Licia, partito per l’Italia, durante il viaggio in mare fece naufragio. Venne salvato da un delfino che lo trasporto’ fino a terra depositandolo alle pendici del monte Parnaso. Qui, Icadio, in segno di ringraziamento fondò la città di Delfi che divenne famosa per il suo oracolo.

In chi si sofferma a guardarli, i delfini infondono tenerezza e dolcezza. Hanno un muso simpatico che sembra sorridere per la particolare
conformazione della loro bocca e ciò non ci può lasciare indifferenti.

Ricordo che anche da bambina ero affascinata da loro e non mi perdevo una puntata del telefilm “Flipper” che raccontava le avventure di un delfino, alla tivù dei ragazzi.

I delfini otre ad essere animali sensibili ed intelligenti sono di grande aiuto agli esseri umani. Nonostante ciò, l’uomo spesso malvagio ed ignorante, commette barbarie nei loro confronti.

Da qualche anno esiste una forma di Pet Therapy con i delfini: la Delfinoterapia. Nella delfinoterapia si nuota, si toccano i delfini e ci si lascia trasportare aggrappandosi a loro. Questo stimola la capacità di comunicare ed è particolarmente indicata nei casi di autismo, depressione e malattie psichiatriche. E’ utile anche nei casi di riabilitazione motoria dopo traumi, incidenti o a seguito di malattie degenerative che colpiscono le articolazioni.

I delfini sono in grado di riconoscere un certo numero di suoni, simboli e parole. Sono socievoli, affettuosi e istintivamente portati ad aiutare le persone in difficoltà.

Al di là di tutto quello che questi splendidi animali riescono a fare per noi, io resto convinta che la cosa più bella sarebbe non approfittarne e rispettarli e ammirarli prevalentemente nel loro ambito naturale: il mare.

SHARE
Previous articleABBAZIA DI POLIRONE A SAN BENEDETTO PO
Next articleYOGA: STABILITÀ E AGIO PER VINCERE LO STRESS
Beolchi Daniela
Dopo aver lavorato tanti anni al Corriere della Sera ora sono felicemente in pensione e posso dedicarmi a ciò che mi interessa e che amo: gli animali, la natura, l’arte e la storia. Sono convinta che se gli uomini traessero insegnamento da uno studio attento della storia eviterebbero di ricadere sempre negli stessi errori alimentati dalla sete di potere e di ambizione di pochi che rovinano la vita di molti.