LIONS CLUB MILANO VIA DELLA SPIGA OH BEJ! OH BEJ!

0
1469

Oh bej! Oh bej! Questa era l’esclamazione di gioia e stupore che i bambini milanesi, fino a non molto tempo fa, esprimevano malati-3quando vedevano tanti giocattoli esposti sulle bancarelle della Fiera che si svolgeva intorno ai Navigli, o nella piazzetta antistante la Basilica, il giorno di S. Ambrogio a Milano.

Questa è stata l’espressione che molti di noi, da bambini, ricordiamo di aver avuto in occasione del Natale, ma anche nel giorno della Befana, quando, al risveglio, trovavamo i giochi tanto desiderati.

E questa, in un certo senso, sarà anche l’espressione dipinta sul volto dei piccoli degenti presso la Clinica Pediatrica De Marchi di Milano ai quali porteremo la Vigilia di Natale tanti pacchi come dono dei Lions malatiClub del Distretto di Milano.

Quest’iniziativa, rispolverata da un nostro Socio Fondatore nel ricordo di quello che tanto tempo fa il nostro L.C. Milano Via della Spiga aveva fatto come Service di Natale, è stata riproposta  periodicamente nel corso degli ultimi anni ad alcuni Club del nostro Distretto 108 Ib 4.

Il progetto ha trovato subito rapida ed entusiastica approvazione, e naturalmente, piena collaborazione: anche quest’anno abbiamo potuto raccogliere tanti giocattoli nuovi con il finanziamento dei Club partecipanti e con la volontà di parecchi soci.

Abbiamo scelto come obiettivo la Clinica Pediatrica De Marchi del Policlinico di Milano sia per la sua importanza e centralità nella città, sia anche in considerazione della contemporanea presenza di un Reparto Oncologico, di una Nefrologia Infantile (per la dialisi) e del malati-3Padiglione Alfieri adibito a Chirurgia Pediatrica.

I Dirigenti del Policlinico, dopo aver loro esposto il progetto, si sono sempre dichiarati disponibili a collaborare; in effetti, abbiamo trovato pieno accordo tanto con il Direttore del Presidio Policlinico di Milano, il Dott. Basilio Tiso, quanto con tutto il Personale (Capo Sala, Infermiere e Medici) dei Reparti della Clinica De Marchi.

SHARE
Previous articleI PENSIERI DI MERIDA
Next articleMOSTRA “ANIMA BIANCA”
De Chirico Tommaso
Specialista in Pneumologia ed esperto in Omeopatia e Tecniche Terapeutiche Olistiche. Tommaso De Chirico, classe 1943, dopo aver conseguito nel 1968 la Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano e la specialità in Malattie dell’Apparato Respiratorio a Pavia nel 1974, porta a termine una brillante carriera in ambito ospedaliero. Dal 1978, affascinato dai concetti energetici espressi dall’Omeopatia e dall’Agopuntura Cinese, nell’intento di poter così ampliare le proprie conoscenze culturali e pratiche nell’ambito della medicina, si è dedicato anche allo studio di queste metodiche diagnostico-terapeutiche maturando, presso la Scuola So-Wen di Milano, nel 1980 il Diploma in Omeopatia, e nel 1984 l’Attestato di Qualificazione Internazionale di Medicina Tradizionale Cinese con la tesi: "Omeopatia e Agopuntura: complementarietà o antitesi?". In seguito, ha studiato e approfondito tutti i vari aspetti dell’Omeopatia e delle Medicine Naturali: unicismo, pluralismo, complessismo, Omotossicologia, Agro Omeopatia, Antroposofia, Medicina Ayurvedica, floriterapia di Bach e fito-terapia, gemmo, oligo e organo-terapia, spagyria e aromatoterapia, dietetica e nutraceutica, unitamente a tante altre metodiche non invasive (kinesiologia, riflessologia e terapie posturali), presso Scuole qualificate e seguendo i Corsi dei più illustri Maestri e Docenti di queste materie. Coordinatore di alcuni Seminari di formazione in Omeopatia Classica, è autore di diversi articoli dedicati al tema "Omeopatia e Medicina non convenzionale" e, dal 1991, di un libro: “Omeopatia. Guida medica alla cura delle più comuni malattie”, reperibile, sia in formato cartaceo sia come ebook, presso l’editore Mnamon, Milano. Socio fondatore nel 1990 della FIAMO (Federazione Italiana delle Associazioni e dei Medici Omeopati), ha assunto varie cariche e presieduto a compiti istituzionali e dirigenziali in seno alla stessa. Attualmente ne è Socio Ordinario.