DONNA TRA FRAGILITA’ E FORZA

0
1594

Parlare di fragilità della donna vuol dire anche parlare del dolore e della forza sia fisica che psichica.

La sofferenza condiziona le nostre aspettative future, i nostri progetti, cosi come riduce la nostra capacità di reazione e in situazioni estreme è talmente dominante da opprimere i nostri cuori e soffocarci.

donna-tra-fragilita-e-forza-fotoQuando si è vittima di una esperienza di sopraffazione  inaspettata ed imprevedibile come: malattie, incidenti stradali, abusi sessuali o disastri naturali, la persona perde molte delle funzioni della “vita psichica” come il senso di identità, della temporalità, della possibilità di dare significato all’evento, che in tal modo, si pone come evento non solo doloroso ma anche traumatico.

Come accettiamo il dolore? Il dolore si piange, si esprime, si attraversa, al fine di elaborarlo ed integrarlo, dando un senso a quanto accaduto.

Ciò significa accrescere la consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti fisici e psichici che, riconosciuti, possono diventare dei punti di forza per entrare in relazione con se stessi e con l’ambiente.  Non dobbiamo mai dimenticare che l’essere umano non è un essere isolato e quindi ogni funzione, inclusi sentimenti e pensieri, si svolgono in relazione all’ambiente. Come tale la sofferenza non appartiene solo alla persona o all’ambiente, ma ad entrambi.

Proprio dalla relazione, dal contatto  sano e nutriente con l’altro, è possibile trovare la forza di reagire, la vitalità e l’energia psicofisica  per sentirsi ancora protagonisti della propria vita.

La  mia esperienza lavorativa in qualità di Psicoterapeuta /Psicooncologa mi permette di rilevare ogni giorno la fragilità e la forza della donna nell’affrontare, per esempio, la malattia oncologica.

L’essere umano che si ammala di cancro vive uno stato di “spaesamento” (dal tedesco Unheimlich), poiché colpito dallo spavento, dal sospetto, dall’inquietudine, dall’ignoto, da qualcosa di non familiare che pertanto suscita a livello inconscio fantasie e immagini  piene di paura.

La possibilità di uno spazio di espressione ed elaborazione di paure, sensazioni ed emozioni permette gradualmente alla persona di saper  gestire le proprie emozioni con tutti i suoi colori, senza averne paura, perché vissute.  Proprio questo è cio che  dà la forza  ad affrontare la vita e con essa i dolori, le perdite i cambiamenti corporei, in un continuo processo di adattamento creativo.

A fronte di ciò espongo una recente esperienza del Corso di Yoga  attivato dallo IOM -Ascoli Piceno -Onlus (Associazione Oncologica che opera ad Ascoli Piceno), nel quale sono Responsabile del Servizio di Psicooncologia .

Il Corso, attivato per  donne con pregressa patologia oncologica  ancora in trattamento terapeutico oppure appena terminato, aveva lo scopo di  valutare se lo yoga,  può contribuire al benessere psicofisico della donna, dopo aver affrontato interventi e/o trattamenti terapeutici oncologici con conseguenti alterazioni del corpo e della propria immagine corporea, nonchè un disagio psico-emotivo-socio-relazionale che va a modificare in modo più o meno marcato la Qualità di Vita dell’essere umano.

Il progetto, oltre alla collaborazione, fin dall’inizio, tra  me e l’insegnante di Yoga  per  individuare  il  livello di base del gruppo e proporre conseguentemente  un programma adatto,  ha incluso incontri mensili con la nutrizionista per dare informazioni sull’alimentazione e  incontri mensili con me nella figura di psicooncologa,  al  fine di una  elaborazione dei vissuti, delle emozioni, dei pensieri e dei dubbi che emergevano durante gli incontri settimanali di Yoga.

I risultati ottenuti hanno evidenziato che il Corso di Yoga ha permesso al gruppo di  fare un “viaggio” di maggior conoscenza di sé e del proprio corpo, acquisendo la consapevolezza   dei propri tempi e ritmi nei movimenti, rispettando, prima di tutto,  se stessi.

Gradualmente, attraverso gli esercizi, le donne hanno scoperto con sorpresa e meraviglia che il proprio corpo rispondeva, era vivo e potevano fidarsi di se stesse.

donna-fra-fragilita-e-forza-foto-2Ciò ha provocato un  conseguente cambiamento della percezione di sé, una migliore e più adeguata padronanza del proprio corpo con i suoi limiti e risorse, e conseguentemente un netto miglioramento dello stato psicofisico percepito, prima di tutto, attraverso la respirazione.

Di  fatto il respiro è collegato all’energia e vitalità del corpo, al sostegno nelle nostre esperienze di vita e come tale, acquisire o ripristinare una buona respirazione, significa riuscire a stare più in contatto con se stessi e accrescere la consapevolezza di Sé.

Come tale lo Yoga, intesa come terapia complementare nel percorso di cura della malattia oncologica,  può contribuire a migliorare lo stato psicofisico della donna, poichè permette di sperimentare  l’integrazione tra psiche e soma,  fondamentale per il benessere individuale.

Concludo dicendo che, la  fragilità  si pone in un rapporto diadico con la forza, facciamo esperienza della fragilità perché abbiamo conosciuto e sperimentato la forza.

Quando la vita ci mette a dura prova, è proprio lì che si vede  la forza della donna, della sua volontà di reagire, di chiedere aiuto e sostegno all’ambiente per scoprire o riscoprire strumenti e risorse interne ed esterne, ampliare la conoscenza di se stesse in un continuo divenire, diventare consapevoli della propria forza, energia e vitalità che  si esplica  anche attraverso il corpo.

Dr.ssa Sabrina Marini  Psicologa – Psicoterapeuta – Psicooncologa Responsabile del Servizio di Psicooncologia  presso l’Associazione IOM Ascoli Piceno – Onlus

SHARE
Previous articleNEWS E INFORMAZIONI PER IL RINNOVO PATENTE
Next articlePATENTE E OSAS
Sabrina Marini
Dr.ssa Sabrina Marini Psicologa-Psicoterapeuta-Psicooncologa Ho maturato esperienza in vari contesti sia pubblico che privato sociale: dall'area della Psichiatria, dove ho lavorato con pazienti con forte disagio psichico e anche con i familiari per un supporto psicologico e psicoeducativo, ad interventi di Prevenzione nel Servizio di Centro di ascolto nella Scuola dell'obbligo, svolgendo incontri con genitori e docenti, al lavoro con adolescenti e adulti, con disagio psico-socio-relazionale, nello specifico da molti anni in qualità di Coordinatrice in Comunità Educativa per minori e Comunità alloggio per gestanti e madri con figli a carico. Membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Volontariato SIPEM SOS Marche (Società Italiana Psicologi dell’Emergenza) sezione Marche . Formazione e attività lavorativa come Psicooncologa. Socio della SIPO (Societa italiana di Psicooncologia) e consigliere della SIPO sezione Marche dal 2006, anno di istituzione della stessa. Da aprile 2017 Coordinatore Regionale SIPO Marche. Certificazione di Esperto Psicooncologo di 2° livello, massimo riconoscimento in qualità di esperto nell'attività di formazione, ricerca e clinica professionale. Ho partecipato a diverse studi di ricerca nazionali e regionali con successive pubblicazioni in riviste specializzate. Ho collaborato in qualità di docente al Master universitario di II° livello in “Psico-Oncologia” Università Cattolica del Sacro Cuore – “Agostino Gemelli”- Cattedra di Oncologia. Partecipazione in qualità di relatore e moderatore a diversi convegni e congressi di Psicooncologia e sessione di Psicooncologia nell'area medica. Collaboro, da molti anni, con l'Associazione IOM (Associazione oncologica marchigiana) Ascoli Piceno-ONLUS, nella quale sono Responsabile del Servizio di Psicooncologia. SITO: www.sabrinamarini.com